martedì , 12 dicembre 2017
Home / Avversità / Il calabrone asiatico si diffonde nel Nord Italia
Esemplare di vespa velutina

Il calabrone asiatico si diffonde nel Nord Italia

La vespa velutina è volata fuori dalla zona rossa: è stata trovata a 300 chilometri dall’area di infestazione. Il rilevamento è avvenuto a Bergantino, in provincia di Rovigo, sul confine con la Lombardia e a 15 chilometri da quello con l’Emilia.

La segnalazione è giunta sul sito StopVelutina grazie all’intervento di due attenti apicoltori, Luigi Toschi e Giuliano Montagnini. Quest’ultimo, esperto apistico e referente dell’Associazione regionale apicoltori del Veneto per la sede di Bergantino, aveva osservato già nel mese di agosto alcuni calabroni anomali volare davanti ai propri alveari e li aveva catturati con trappole anti-vespa. Purtroppo l’errata analisi tassonomica da parte di alcuni colleghi ha impedito di comunicare tempestivamente la presenza del pericoloso calabrone sui canali ufficiali. Solo la recente cattura di altri quattro esemplari e il successivo invio di una foto (in alto) sul sito StopVelutina, ha permesso di mettere in luce la grave situazione.

A seguito della segnalazione, i ricercatori di StopVelutina hanno prontamente contattato gli apicoltori per visionare gli esemplari catturati e verificarne la tassonomia. “Si tratta sicuramente del calabrone asiatico – ha confermato Laura Bortolotti, entomologa del CREA-API e coordinatrice di StopVelutina che si è occupata dell’identificazione – e purtroppo ora è tardi per mettere in piedi una squadra di eradicazione, perché i nidi in questa stagione sono già spopolati e le regine di velutina stanno probabilmente svernando, nascoste da qualche parte”. I ricercatori si recheranno comunque sul posto nei prossimi giorni per effettuare un sopralluogo e avviare una procedura di sorveglianza per la prossima primavera.

Vespa velutina in questo mese ha mostrato di riuscire a migrare verso nord rispetto alla zona di infestazione (localizzata nel Ponente ligure). Ad ottobre il calabrone è ricomparso in provincia di Cuneo (Pianifei) e ne sono stati trovati esemplari in provincia di Torino (Vicoforte Mondovì, Rivoli). Ma prima d’ora non si era mai trovato così lontano dall’area rossa. La diffusione del calabrone sul territorio italiano è stata straordinaria: i dati provenienti dalla Francia, nazione quasi completamente infestata dall’insetto alieno, parlano di un avanzamento potenziale di 100 km all’anno.

“Si è trattato probabilmente di un trasporto passivo di regine di calabrone, avvenuto su qualche mezzo motorizzato”, ha spiegato Bortolotti. “Questa pessima notizia rende ancora più urgente e pressante la questione di finanziare una rete di monitoraggio scientifica (composta da alveari sentinella, NdR) in grado di intercettare l’avanzata di questo e altri parassiti – ha continuato la scienziata – una rete che già esisteva grazie ai progetti BeeNet e Velutina, ma che in seguito al loro mancato rifinanziamento, é oggi basata solo sul volontariato degli apicoltori, coordinati dal CREA per StopVelutina. I passi successivi saranno proseguire e incrementare le reti già avviate nelle Regioni fin ora considerate indenni, come la Toscana, l’Emilia-Romagna e Lombardia, e ampliarle al Veneto e a tutto il Nord Italia”.

Maggiori informazioni: laura.bortolotti@crea.gov.it

Info Redazione

Guarda anche

Ministero della salute Aethina tumida

Piano di sorveglianza di Aethina Tumida sul territorio nazionale anno 2017

Arrivato tre anni fa in Italia, il nuovo parassita delle api è al momento confinato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *