martedì , 20 Agosto 2019
Home / Notizie / Come sono allevate le api regine
3Bee
Immagini Di Marc Latzel

Come sono allevate le api regine

È risaputo: le api sono importanti e minacciate di estinzione. Dal 1985, il loro numero si è ridotto del 25%. Ciononostante, in Svizzera ci sono circa 17’500 apicoltori che detengono circa 165’000 colonie di api. Uno di loro, Marc Latzel, ha documentato con delle fotografie un allevamento speciale.

Nella valle di Kien, nel canton Berna, Peter Linder ha creato una stazione di allevamento di api regine. Attraverso un’attenta selezione e l’inseminazione strumentale, l’apicoltore alleva delle api regine di razza carnica. Un lavoro documentato dall’obiettivo del fotografo e apicoltore Marc Latzel.
Le remote valli delle Alpi svizzere sono il luogo ideale per l’allevamento. Grazie all’isolamento geografico è possibile evitare un mescolamento genetico e allevare api regine di razza pura. Gli apicoltori arrivano da lontano per far accoppiare le loro regine.

Una colonia di api è composta da api operaie, fuchi e una sola regina. A seconda della stagione, la colonia è formata dai 5’000 ai 40’000 insetti. L’ape regina assomiglia molto alle operaie, sebbene sia un po’ più grande e più lunga.

Senza la regina, le api non possono sopravvivere. La madre di tutte le api depone uova in continuazione. I suoi geni, assieme a quelli dei fuchi che si accoppiano con lei, determinano il comportamento della sua colonia: docile o aggressiva, produttiva o meno, resistente alle malattie o vulnerabile.

Un’ape regina vive dai due ai cinque anni. Governa la sua colonia tramite i feromoni che sprigiona. Grazie a questi, ogni ape sa così a quale alveare appartiene e quale compito deve svolgere. I feromoni influenzano anche l’impulso sessuale dei fuchi.

Le operaie nate in estate lavorano per l’intera durata della loro vita, dalle sei alle otto  settimane. Si occupano dapprima di pulire l’alveare, di nutrire le larve e la regina e di costruire nuovi favi. In un secondo tempo, difendono l’alveare e raccolgono nettare, polline e acqua, diventando di fatto delle vere produttrici di miele. Esauste, muoiono solitamente da qualche parte all’esterno dell’alveare, proprio come ne muoiono ogni giorno migliaia di altre.

Le arnie da allevamento sono severamente controllate. Prima di collocarle nel bosco, gli apicoltori devono accertare che non contengano fuchi di altre razze.

Ester Unterfinger (Traduzione dal tedesco di Luigi Jorio)

Ragstore

Info Redazione

Guarda anche

Usare l’apicoltura per l’analisi dei dati

I Corporate Research Center (CRC) di ABB hanno fornito le basi per molte delle tecnologie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.