venerdì , 15 Novembre 2019
Home / Legislazione / Bando regionale di finanziamento per l’apicoltura campana – anno 2019/2020
3Bee

Bando regionale di finanziamento per l’apicoltura campana – anno 2019/2020

Anche la Regione Campania ha da poco approvato il bando di finanziamento per l’annata 2019/2020. Il bando è specificatamente rivolto alle Associazioni di apicoltori, in particolar modo per sostenere le loro azioni volte a migliorare le condizioni generali della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’agricoltura.

Misure finanziate

Le iniziative finanziate dal bando sono le seguenti:

Misura A: Assistenza tecnica agli apicoltori e alle organizzazioni di apicoltori
Azione a.2: seminari e convegni tematici
Azione a.4: assistenza tecnica alle aziende
Misura B: Lotta contro gli aggressori e le malattie dell’alveare, in particolare la varroasi
Azione b.1: incontri periodici con apicoltori, dimostrazioni pratiche e interventi in apiario per l’applicazione di mezzi di lotta da parte degli esperti apistici, distribuzione dei farmaci veterinari appropriati
Azione b.4: acquisto degli idonei farmaci veterinari e sterilizzazione delle arnie e attrezzature apistiche
Misura E: Misure di sostegno del ripopolamento del patrimonio apistico dell’Unione
Azione e.1: Acquisto di sciami, nuclei, pacchi d’ape e api regine

Soggetti beneficiari

I soggetti beneficiari sono le Associazioni di apicoltori legalmente costituite e con sede legale in Regione Campania. Devono avere almeno 40 soci, di cui i due terzi devono essere residenti in Campania. Tutti gli alveari devono essere regolarmente registrati nella Banca Dati Apistica Regionale. Infine, le Associazioni devono avere costituito il proprio fascicolo aziendale presso il SIAN.

Modalità di presentazione della domanda

Le Associazioni interessate a presentare domanda di finanziamento devono consegnare tutta la documentazione presso specifici uffici di Regione Campania – Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Le domande devono essere indirizzate all’organismo pagatore AGEA. Le domande possono essere consegnate a mano, tramite raccomandata A/R oppure per mezzo PEC.

Termine presentazione domande

Il termine ultimo per la presentazione della domanda di finanziamento è il 16 ottobre, ovvero 30 giorni dopo la pubblicazione del bando sul BURC. La documentazione deve essere accompagnata dalla domanda di aiuto, redatta sulla base del modello predisposto da AGEA e scaricabile sul SIAN.

Per avere maggiori informazioni si può consultare direttamente il sito della regione nella pagina dedicata e scaricare il testo del bando.

bando regionale
Sistemi di monitoraggio da remoto

Il giorno 11 ottobre la Regione Campania ha approvato un bando di finanziamento specificatamente pensato per gli apicoltori per l’acquisto di arnie per il controllo della varroasi e di attrezzature e materiali specifici per il nomadismo.

Misure finanziate

Le misure specifiche previste dal bando sono le seguenti:

Misura B: lotta contro gli aggressori e le malattie dell’alveare, in particolare la varroasi – azione b.3: Attrezzature varie
Misura C: Razionalizzazione della transumanza – azione c.2: acquisto attrezzature per l’esercizio del nomadismo – sottoazione c.2.2: acquisto macchine, attrezzature e materiali vari specifici per l’esercizio del nomadismo

Spese ammissibili

La soglia minima di spesa è pari a 2.000,00€, mentre non può eccedere i 10.000,00€. Sono ammissibili solo le spese effettuate dopo la presentazione della domanda di finanziamento. La spesa massima può subire variazione in base al numero di alveari registrati in BDA_R. Possono essere acquistate le arnie con fondo a rete per la lotta della varroa e sistemi antifurto e bilance per il nomadismo.

Anche i nostri dispositivi sono quindi acquistabili grazie al finanziamento regionale. Inoltre, possiamo garantirti l’incisione laser del contrassegno indelebile, composto dalle ultime due cifre dell’anno di finanziamento (20) e il codice univoco identificativo rilasciato dall’ASL territorialmente competente.

Beneficiari

I beneficiari di queste misure di finanziamento sono gli apicoltori, gli imprenditori apistici e gli apicoltori professionisti con residenza o sede legale in Campania. Devono possedere almeno 50 alveari regolarmente registrati presso la Banca Dati Apistica Regionale. È necessario inoltre essere iscritti alla Camera di Commercio e avere il proprio fascicolo aziendale presso il SIAN.

Presentazione delle domande

Le domande di finanziamento devono essere presentate all’Organismo pagatore AGEA tramite la Regione Campania. In base alla provincia di residenza, l’apicoltore si deve rivolgere a un determinato ufficio, come indicato nel testo del bando. Le domande possono essere presentate tramite PEC oppure consegnate a mano in un plico debitamente sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura. In alternativa, il plico può essere inviato anche a mezzo raccomandata A.R.

Il termine ultimo di presentazione delle domande è il 13 dicembre 2019. Per la consegna del plico cartaceo fa fede la data di acquisizione da parte del protocollo regionale. Per l’invio tramite PEC, invece, si prende in considerazione la data e l’ora di trasmissione.

Le domande devono essere conformi al modello predisposto da AGEA scaricabile dal sito SIAN, debitamente compilate con tutte le informazioni richieste e accompagnate da un documento in corso di validità del legale rappresentante. Ogni domanda deve essere corredata da preventivi confrontabili di almeno 3 ditte per le attrezzature che si intende acquistare e da dichiarazione sostitutive di certificazione e atto di notorietà.

Per maggiori informazioni sul bando, consulta la pagina della Regione e scarica il testo del bando stesso.

Ragstore

Info Redazione

Guarda anche

La fatturazione elettronica

Dal 1° gennaio 2019 ci saranno importanti novità sulla fatturazione elettronica: l’obbligo di emissione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.