venerdì , 3 Aprile 2020
3Bee
coronavirus

Coronavirus: le regole per gli apicoltori

Il DPCM 11 MARZO 2020, all art. 1 (misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale) così recita: Comma 4. Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonche’ l’attivita’ del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

In data 17 marzo 2020 è stato aggiornato dal  ministero dell’Interno un terzo modello di autodichiarazione che i cittadini e/o apicoltori dovranno utilizzare in caso di spostamento in piena emergenza Coronavirus viene aggiunta una parte nella quale la persona controllata dalle forze di polizia, deve attestare di non essere in quarantena, se non addirittura affetto da Covid-19. Inoltre l’apicoltore  deve dichiarare di esercitare l’attività di apicoltore ai sensi degli Articoli 2, 3 e 6 della legge n. 313/2004 per la “Disciplina dell’Apicoltura” e in tale veste ho la necessità di recarmi in Apiario l’accudimento e gestione degli animali come previsto dalla nota del Ministero della salute n. 5086 del 02 Marzo 2020 e allego a tal fine l’estratto  certificato comprovante l’iscrizione alla Banca dati dell’Anagrafe Apistica Nazionale, comprensivo del codice di allevamento, dei miei dati personali e delle postazioni di Alveari.

La FAI – Federazione Apicoltori Italiani – ha predisposto un apposito modulo di autocertificazione qualora l’apicoltore ha bisogno di un “collaboratore” che si rende disponibile a coadiuvarlo.

L’autocertificazione potrà essere resa anche seduta stante sui moduli in dotazione alle forze di Polizia. La veridicità delle dichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi.

Il nuovo modello prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo l’apicoltore viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data del 12 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020.

Testo aggiornato al 23 marzo 2020

Info Redazione

Guarda anche

l'ape, un infallibile becchino

L’ape, un infallibile becchino

La rigida e militaresca organizzazione dell’alveare è cosa nota. Forse non tutti sanno, però, che …

18 Commenti

  1. MARFIA SALVATORE

    Posso spostarmi in altro comune per acquistare materiale per le api ( Cera, Telaini, melari ecc.) GRAZIE

    • Il Decreto è chiaro. I motivi per uscire di casa sono per andare a lavoro, per ragioni di salute o situazioni di necessità. L’acquisto di materiale per le api non rientra tra quelli ammessi.
      La violazione delle prescrizioni per limitare l’emergenza Coronavirus è punita con l’arresto fino a tre mesi o con la multa fino a 206 euro, secondo quanto previsto dall’articolo 650 del codice penale sull’inosservanza di un provvedimento di un’autorità. Pene più severe possono essere comminate a chi adotterà comportamenti che configurino più gravi ipotesi di reato.

    • Carlo Salvati

      No, non si può uscire di casa per acquistare beni diversi da quelli alimentari, ma solo in caso di stretta necessità, unicamente per l’acquisto di beni legati ad esigenze primarie non rimandabili. (non è il tuo caso: cera, telaini o melari)

      • Sono un obbista apicoltore, posso andare nel mio apiario fuori dal mio comune di residenza?

        • Per la legge 24 dicembre 2004, n. 313 “Disciplina dell’Apicoltura” non esistono apicoltori hobbisti, ma solo apicoltori, indipendente dal numero di alveari posseduti. L’apicoltore con un solo alveare iscritto nella Banca Dati Apistica Nazionale ha gli stessi diritti e doveri di un apicoltore professionista nell’accudimento dei suoi alveari.

  2. Pasquale Angrisani

    C’è un nuovo modulo da compilare per chi deve uscire di casa in questi giorni di emergenza coronavirus, con una voce che si aggiunge a quelle già esistenti. Il nuovo modello per l’autocertificazione è stato pubblicato sul sito del ministero dell’Interno e oltre a tutte le informazioni richieste in quello precedente bisogna anche dichiarare di non essere soggetti agli obblighi a cui devono sottostare le persone risultate positive al tampone per il coronavirus. Chi viene trovato fuori casa nonostante sia sotto quarantena per il tampone positivo rischia infatti fino a 12 anni di carcere per concorso colposo in epidemia.

  3. Buongiorno, il 19/3/2020 ho avviato on-line la domanda di iscrizione degli alveari alla Banca dati Anagrafe Apistica Nazionale con produzione per autoconsumo, la quale è ancora in fase di validazione. Posso spostarmi in un comune limitrofo per accudire le api? In tal caso che documento dovrei portare con me non avendo ancora alcun certificato? Grazie, saluti

  4. Le novità del modello 23 marzo
    Oltre alle informazioni già richieste nella vecchia autocertificazione, nel nuovo modulo, il terzo, va indicato l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e la destinazione. Inoltre, tra le esigenze concesse perché lo spostamento sia lecito, oltre alle “comprovate esigenze lavorative” e ai “motivi di salute” sono contemplate “l’assoluta urgenza (per trasferimenti in Comune diverso”) o la “situazione di necessità” per spostamenti all’interno dello stesso Comune.

    • Sono iscritto alla lista nazionale recupero sciami in caso di chiamata per un recupero come mi devo comportare grazie

      • Se la richiesta del recupero dello sciame, giunge da un ente pubblico (Asl, Vigili Urbani ecc.) non ci sono problemi.
        Se invece proviene da un semplice cittadino, occorre dare il suo nome e la sua disponibilità, ma le dica di contattare l’ente pubblico e di farla chiamare perché ha già dato la sua disponibilità e quindi sarà autorizzato ad uscire, dopo aver compilato il modulo di autodichiarazione per recuperare lo sciame.
        Questo a scanso di equivoci, perché l’interpretazione della norma negli ultimi tempi è stata e sarà molta dibattuta. tra l’ente pubblico che tutela la salute dei cittadini e degli animali.

  5. Armando Gaeta

    novità con il nuovo decreto? visto le pessime previsioni, avrei necessità di recarmi in apiario, ma sono un apicoltore amatoriale, cioè regolarmente iscritto alla BDA ma senza P.IVA
    Grazie

  6. per l’acquisto di nuovi nuclei di api, ci si può spostare in un altro comune per ritirare da un altro apicoltore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.