martedì , 12 dicembre 2017
Home / Notizie / I laboratori consortili: le esperienze toscane “da imitare”
Laboratorio di smielatura provvisto di smielatore, disopercolatrice, maturatore, pompa di aspirazione

I laboratori consortili: le esperienze toscane “da imitare”

In Toscana è consolidata la tradizione di avere a disposizione laboratori di smielatura consortili, dislocati su territorio, al servizio degli apicoltori per permettere loro di usufruire di un ambiente salubre e di tutte le attrezzature necessarie per poter estrarre ed invasettare il miele dai favi nel rispetto del Regolamento (CE) N. 852/2004.

Esistono infatti 6 laboratori: 1 a Firenze ed 1 a Prato (gestiti dall’associazione apistica ARPAT) 1 in Lunigiana, 1 a Pistoia, 1 a Pescia (gestiti dall’associazione apistica Toscana Miele) ed 1 a Siena, presso il Vivaio Provinciale del Campino gestito dall’associazione Provinciale di Siena.

Di queste strutture, 3 (quella di Siena, della Lunigiana e di Pistoia) sono sottoposte anche al controllo di un ente di certificazione biologico per permettere agli apicoltori che certificano come biologico il proprio miele di lavorare il proprio prodotto nel rispetto della normativa vigente sul biologico (Regolamento CE 834/2007).

La Mieleria di Siena nasce nel 2000, ed è certificata bio da ICEA dal 2003.

E’ operativa nel periodo estivo da giugno a ottobre di ogni anno e copre un bacino di utenza di circa 20 apicoltori annui, di dimensioni medio piccole (circa 20-30 arnie di media) sprovvisti di attrezzatura e locali idonei, che trovano nella mieleria consortile un valido punto di appoggio.

Il 15% dell’utenza è rappresentato da apicoltori bio certificati. L’apicoltura senese è costituita da circa 400 apicoltori, 6.800 alveari e circa 50 mielerie notificate alle autorità sanitarie tra cui quella consortile (dati USL7 SIENA del 2009).

Sul territorio sono attivamente presenti associazioni apistiche quali l’A.S.G.A., L’A.R.P.A.T. e L’A.A.P.T..

Ogni apicoltore che utilizza il laboratorio “prende in consegna” il laboratorio stesso per il periodo necessario alle lavorazioni (che effettua in prima persona) e si occupa anche di ripulirlo accuratamente a fine lavoro.

Compila inoltre opportune schede che testimoniano le lavorazioni effettuate, i giorni di utilizzo, il numero dei melari, la quantità di miele lavorata, il lotto attribuito, il numero di vasetti ottenuti e la loro grammatura, lo stato di pulizia ad inizio ed a fine lavorazioni e la pulizia effettuata (su attrezzature, pavimenti e pareti).

Le schede compilate sono a disposizione delle autorità sanitarie locali, una copia viene rilasciata all’apicoltore ed una copia tenuta dal responsabile del laboratorio. (Regolamento (CE) N. 852/2004; Regolamento CE N. 178/2002).

Il responsabile del laboratorio si occupa di coordinare gli appuntamenti, di verificare le condizioni di pulizia dei locali e delle attrezzature ad inizio ed a fine stagione e si impegna nella formazione del personale (documentata da apposite schede).

Rilascia agli apicoltori un numero di sigilli pari al numero di vasetti che l’apicoltore intende produrre (in cui sono riportate alcune indicazioni base come il tempo minimo di conservazione, il lotto, il luogo di produzione e una numerazione successiva e che non va a sostituirsi all’etichetta che è a cura e sotto la responsabilità di ogni singolo utente).

Presso il laboratorio sono presenti, a disposizione di tutti, un banco disopercolatore manuale ed una disopercolatrice meccanica, uno smielatore radiale elettrico a 24 telai, una invasettatrice automatica, filtri a rete metallica ed a sacco per maturatori di varia capacità, un deumidificatore per ambienti, una idropulitrice ed attrezzature per la pulizia.

Il laboratorio è suddiviso in un locale smielatura ed in un locale per l’invasettamento e la decantazione dove vengono stoccati i maturatori di proprietà di ogni singolo apicoltore oltre ad una invasettatrice automatica.

Non esiste la possibilità di stoccaggio dei melari o del miele dopo l’invasettamento.

Le GMP (buone pratiche di lavorazione) sono documentate da apposite schede firmate da ogni singolo utente per ogni lavorazione effettuata. Nonostante il Pacchetto Igiene abbia reso molto più semplice produrre miele per chi lavora in produzione primaria, il laboratorio di Siena continua a essere un valido punto di appoggio per apicoltori medio piccoli sprovvisti di idonea attrezzatura, e il numero di utenti è rimasto pressoché invariato negli ultimi anni.

Serena Rocchi – Veterinario

Info Redazione

Guarda anche

Alveari in fila

Bando pubblico per il finanziamento dell’acquisto di arnie per il controllo della varroasi

Si comunica che con  decreto n. 28 del 16.10.2017, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione …

4 Commenti

  1. Mieleria consortile a Lucca A.A .P.T

  2. Complimenti alla Mieleria di Siena che potrebbe essere da esempio alle varie associazioni Apistiche dislocate in tutta Italia.
    Usufruendo di questo servizio si da modo agli hobbisti di estrarre il loro Miele e di poterlo invasettare.

  3. Anche nel Lazio esiste un laboratorio di smielatura a locazione temporanea.
    Tutte le informazioni su http://www.smielatura.it

  4. Il 07 dicembre 2017 sarà inaugurato a Valderice, un Laboratorio Sociale allestito in un locale concesso dal Comune di Valderice all’interno del Centro Fieristico di contrada Seggio.
    Il Laboratorio sociale nasce per dare la possibilità ai piccoli apicoltori di commercializzare, nel rispetto delle norme sanitarie, direttamente il loro prodotto.
    La possibilità di ricavare un giusto reddito dall’allevamento delle api è anche un incentivo per fare crescere gli allevamenti da una dimensione amatoriale ad una più professionale.
    Nel laboratorio sociale, l’apicoltore estrae e confeziona personalmente il suo prodotto con l’assistenza di personale esperto e qualificato; ad ogni partita di miele viene assegnato un numero di lotto e tutte le confezioni sono munite del regolare sigillo di garanzia fornito e gestito da Fai Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *