martedì , 23 ottobre 2018
Home / Tecnica apistica / Sciamatura / La formazione di sciami artificiali, senza cambio di postazione, con recupero totale di bottinatrici
Due porta sciami affiancati

La formazione di sciami artificiali, senza cambio di postazione, con recupero totale di bottinatrici

Il metodo consiste nello spostamento di alveari, che hanno i requisiti descritti nell’articolo, la formazione di sciami artificiali, all’inizio di un imminente raccolto, in un altro posto dell’apiario e nel recuperare le bottinatrici in un’arnietta.

Supponiamo che gli alveari sono il n. 3 e il n. 6 (disegno 1) quindi, procediamo in questo modo:apiario5

  1. si spostano gli alveari, in un altro posto dell’apiario distante alcuni metri; (disegno 2)
  2. al loro posto si mettono arniette munite di telaini costruiti, contenente miele e polline, prelevati in magazzino o in altri alveari forti;
Al centro di queste arniette possiamo inserire:
  • un telaino di covata con tutte le api sopra, contenente una cella reale;
  • solo una cella reale incastrata tra due telaini;
  • una regina feconda in gabbietta.

Dopo queste operazioni le api bottinatrici, che usciranno dagli alveari spostati, dopo il raccolto faranno ritorno nella posizione originaria e dopo un momento di esitazione rientreranno tutte nell’arnietta prendendosi subito cura della covata o della cella reale che favorisce la coesione del nucleo.

apiario6

Gli sciami e gli alveari che hanno fornito le bottinatrici, vanno seguiti e abbondantemente nutriti per circa un mese.
Lo scopo è quello di stimolare le regine a deporre e se le condizioni meteorologiche lo permettono, possiamo ricavare dopo circa un mese ancora dagli alveari spostati altri sciami.

Si consiglia poi, per una rapida ripresa degli sciami, dopo la fecondazione delle regine, composti solo da api bottinatrici, (che è un materiale biologico in fase di decadimento) di rinforzarli con telaini contenente covata opercolata prossima allo sfarfallamento, prelevata negli alveari forti.

I vantaggi di questo metodo sono:
  • la rapidità d’esecuzione;
  • non serve aprire o cercare la regina negli alveari che forniscono le api;
  • è applicabile anche ai bugni rustici e alveari a favo fisso;
  • lo sciame artificiale, essendo privo di covata, può essere trattato contro la varroa
  • l’alveare da dove si prelevano le api non deve essere necessariamente selezionato, perché lo sciame farà solo da balia alla regina che trasmetterà dopo la nascita, il suo patrimonio genetico al nuovo nucleo.

L’unico svantaggio di questo metodo sono le api bottinatrici che essendo più aggressive, rispetto alle nutrici, dovranno accettare la regina o la cella reale.

Pasquale Angrisani
Articolo pubblicato sulla rivista Apicultura sin Fronteras – n.96 – mayo de 2018

Info Pasquale Angrisani

Guarda anche

Melario pieno di miele e api

L’uso dei repellenti per la rimozione dei melari: vale la pena di utilizzarli?

Introduzione La rimozione dei melari, al momento della raccolta del miele, è preceduta da un …

Un commento

  1. Bruno gervasoni

    Ottimo servizio per la chiarezza espositiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.