giovedì , 29 Ottobre 2020
3Bee
longevità delle api invernali

Nutritore a tasca

Questo nome è dato ad un nutritore che è sospeso all’interno del nido come se fosse un telaino e viene utilizzato come un diaframma.

È composto da solide pareti in masonite oppure è interamente in plastica. A volte, è presente un galleggiante, al suo interno, per prevenire l’annegamento delle api, altrimenti vi si colloca una rete per favorire la salita e la discesa delle api.

L’arnia deve essere aperta per riempire i nutritori, che contengono due tre kg di sciroppo; sono l’ideale per nutrire i nuclei appena formati.

Questi nutritori hanno normalmente la dimensione di un telaio da nido, ma se ne trovano in commercio anche delle dimensioni di un telaio da melario.

Questi ultimi hanno lo svantaggio di contenere meno liquido, ma sono preferiti da alcune aziende che lasciano costruire alle api al di sotto del nutritore, un favo da fuco per il controllo della varroasi e la prevenzione della sciamatura.

Una variante casalinga prevede l’utilizzo di robusti sacchetti di plastica, di idonee dimensioni con all’interno un telaino vuoto.

 

Info Redazione

Guarda anche

Ape che succhia il nettare da un fiore

Apiterapia

Cos’è l‘apiterapia – E’ un concetto medico che si basa su  una tradizione molto antica, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.