venerdì , 19 Luglio 2019
Home / Avversità / Piano di lotta alla Varroasi in Trentino proposte di intervento per il 2016
3Bee
Farmaco apibioxal

Piano di lotta alla Varroasi in Trentino proposte di intervento per il 2016

L’annata apistica 2016 non è stata favorevole. Le principali fioriture, specialmente alle quote inferiori, sono state poco sfruttate dalle api a causa delle continue precipitazioni.

Le colonie erano in genere uscite molto popolose dallo svernamento e la ripresa della deposizione è stata molto anticipata, a causa dell’inverno, specie la sua coda molto mite. Il ritorno del freddo ha poi compromesso le scorte delle api e il loro regolare sviluppo.

La stagione 2015 era stata molto migliore; ora sembra che le api stiano riprendendo vigore e alle medie quote, in presenza ancora di fioriture, la produzione di miele è in alcuni casi molto soddisfacente anche se in ritardo. Ma ora è già tempo di pensare alla stagione prossima, con la speranza sia migliore di quella in corso.

In primo luogo occorre pensare alla salute delle api e quindi a effettuare il trattamento estivo contro la Varroa. Allo stesso tempo ogni apicoltore dovrà preoccuparsi di tenere sotto controllo sia la consistenza delle scorte che della covata.

Da alcuni anni l’utilizzo delle tecniche apistiche abbinate all’uso di Acido Ossalico (Apibioxal®) si sono rivelate le soluzioni più razionali ed efficienti, anche perché sono in grado non solo di abbattere l’infestazione della Varroa, ma di dare una sferzata di vitalità e benessere alle colonie di api. Per questo motivo anche quest’anno si consiglia l’adozione di queste tecniche.

Clicca qui per leggere le proposte d’intervento per il 2016.

Iasma notizie

Ragstore

Info Redazione

Guarda anche

Farmaco apibioxal

“Treat in time”: quando utilizzare i farmaci registrati antivarroa

“Treat in time” è un semplice strumento informatico messa a punto dalla Unità di Apicoltura …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.