mercoledì , 30 Novembre 2022
Logo della fnovi

La FNOVI ha chiesto alla FVE un impegno per favorire la presenza dei veterinari in apicoltura

Se tra le voci di finanziamento previste dal Reg. CE 1234/2007 (vedi: “Considerata (46)” e “Sezione VI – Disposizioni speciali relative al settore dell’apicoltura”) fosse inserita la voce “assistenza veterinaria” la Comunità Europea darebbe un segnale nella direzione di una politica di riconoscimento del ruolo del medico veterinario nel settore apistico. Questa la mission sulla quale il Presidente FNOVI, Gaetano Penocchio, ha coinvolto Christophe Buhot, Presidente della Federation of Veterinarians of Europe (FVE).

Nella nota trasmessa è stato sottolineato che l’apicoltura avrà futuro solo contando su animali sani e prodotti apistici salubri, privi che di residui di molecole farmacologicamente attive vietate nella cera, nel polline, nella pappa reale, nella propoli e nel miele.

Per la FNOVI gli apicoltori non hanno bisogno di assistenza tecnica, bensì di assistenza veterinaria, in quanto le problematiche che affliggono le api in Europa oggi sono sanitarie. E’ impensabile tollerare che l’assistenza tecnica sostituisca quella veterinaria per il settore apistico, nella diagnosi e cura delle patologie, nella gestione del farmaco veterinario, nell’educazione sanitaria agli apicoltori.

Da queste considerazioni ha quindi preso le mosse la proposta sottoposta alla FVE di chiedere ufficialmente alla UE l’introduzione della voce “ assistenza veterinaria” nel regolamento CE n. 1234/2017, affinché le politiche nazionali siano a loro volta indotte a finanziare l’assistenza sanitaria e favorire quindi l’ingresso del veterinario nelle aziende apistiche.

Per la FNOVI questo favorirà un sostanziale miglioramento della salute degli alveari e dell’ambiente, una garanzia per la salubrità di alimenti, ricercati proprio per il loro valore salutistico e consumati spesso da categorie di persone particolari

Fnovi

Info Redazione

Guarda anche

la vita delle api si è ridotta del 50%

Rispetto a cinquant’anni fa, la vita delle api si è ridotta del 50%

Negli ultimi 50 anni, la vita media delle api allevate in laboratorio si è dimezzata. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.