giovedì , 30 Novembre 2023
La vespa velutina è arrivata anche in Ticino (agroscope.admin.ch)

La vespa velutina si sta espandendo sempre di più in Italia

In Italia la vespa velutina è sempre più presente e gli esperti sono preoccupati per quello che può succedere. Si tratta infatti di una specie pericolosa soprattutto per la salvaguardia della biodiversità. Potrebbe essere devastante la sua espansione, ma vediamo subito di cosa stiamo parlando. È un insetto che si trova già in alcune regioni italiane.

È pericolosa e distruggerà la biodiversità

Come abbiamo detto questa specie è considerata pericolosa. Si tratta della vespa velutina che viene considerata come una specie aliena. Questo perché costituisce una vera e propria minaccia per l’ecosistema ed infatti è fondamentale fermare la sua espansione per ridurre al minimo l’impatto sulla biodiversità.

La vespa velutina si sta espandendo sempre di più in Italia
vespa velutina – viaggi.nanopress.it

Già tra il 2021 e il 2022 sono stati diversi gli avvistamenti di questa specie. Soprattutto in alcune regioni italiani e tra queste c’è la Liguria e l’Emilia Romagna. Gli scienziati però temono che queste possono continuare la loro espansione e sarebbe un vero e proprio problema.
Sono a lavoro i ricercatori dell’Università di Pisa insieme anche agli scienziati dell’Università College London e quelli dell’Università di Firenze. Questi hanno analizzato il genoma di questa specie e lo hanno messo a confronto con quello di altri insetti. Soprattutto specie invasive come ad esempio la Vespa orientalis.

Secondo i ricercatori e gli scienziati bisogna studiare attentamente queste per gestire meglio le future invasioni e di conseguenza agire per ridurre l’impatto della loro espansione. Il problema di questa vespa è che si nutre soprattutto di api. Ed è il motivo principale per cui questa specie è considerata pericolosa.
Le api sono gli animali dai cui dipende la sopravvivenza e la capacità riproduttiva di oltre 130 specie di piante. Ed è per questo un serio rischio per la biodiversità. Già in Francia è stato registrato un dato preoccupate. Qui infatti sono state registrate perdite fino l 50% negli alveari.

Quello che succede è che queste assediano un alveare e di conseguenze le api non escono. Non raccolgono quindi nettare e polline e quindi di indeboliscono rimanendo senza cibo. La conseguenza è inevitabilmente la morte di queste. Ma non puntano solo le api ma anche le coltivazioni di frutta.

Vespa velutina sul territorio italiano

La vespa velutina anche soprannominata vespa killer è monitorata costantemente. Il calabrone dalle zampe gialle è però arrivato sul territorio italiano da diversi anni e come abbiamo già detto si trova prevalentemente in Liguria e in Emilia Romagna. In particolare nelle provincie di La Spezia e Massa Carrara dove è stato trovato un focolaio.

Queste focolaio si è esteso fino all’Emilia Romagna e soprattutto in alcune provincie. Quelle di Piacenza e Parma. Sono poi arrivate anche altre segnalazioni di avvistamenti fatti in Toscana e nella città di Venezia. Ma non sono gli unici punti perché le segnalazioni arrivano anche dal Piemonte e dalla Lombardia.

La vespa velutina si sta espandendo sempre di più in Italia
nido di vespa velutina – viaggi.nanopress.it

Questa specie di vespa potrebbe quindi presto invadere l’Italia e questa possibilità purtroppo non è da escludere. I ricercatori hanno poi creato anche una zona gialla che è quella dove forse la vespa velutina arriverà nei prossimi anni. In questa c’è la Campania.

Il problema principale è quindi la sua espansione. Basta infatti pensare che da un solo nido possono nascere altre 30 o 40 nuove colonie. Inoltre può portare anche problemi alla salute. Infatti può arrivare a pungere ripetutamente l’uomo con la conseguenza di un avvelenamento.

Morena Potere
Fonte: nanopress

Info Redazione

Guarda anche

Nasce la “Filiera dell’Ape Italiana”

Filiera dell’Ape Italiana 2

“salvaguardia e selezione in purezza dell’ape italiana Apis Mellifera Ligustica Spinola e dell’Apis Mellifera Sicula …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.