domenica , 27 Novembre 2022
Apicoltore salito sull'albero per catturare lo sciame

«Salvate l’ape italiana a rischio estinzione»

MILANO – L’ape italiana – la più docile, mansueta e produttiva che ci sia, diffusa e apprezzata in tutti i continenti – è in serio pericolo di estinzione: le malattie tradizionali e quelle esotiche, l’abbassamento delle difese immunitarie delle colonie, la libera circolazione di api di altre razze e il conseguente inquinamento genetico insieme all’uso di alcuni fitofarmaci stanno mettendo in grave pericolo la sopravvivenza in purezza dell’ape «made in Italy».

L’ALLARME – A lanciare l’allarme è la Fai – Federazione Apicoltori Italiani, secondo la quale è ormai urgente e indispensabile fare dell’Italia un parco naturale-nazionale per la salvaguardia dell’«Apis mellifera Ligustica»:

«È considerata patrimonio dell’umanità, dagli apicoltori del mondo intero, ma a casa nostra gli esperti ritengono che si sia giunti al livello di guardia, quello che precede l’estinzione e la definitiva perdita di una razza animale».

Confagricoltura ritiene che per il recupero occorrono misure concrete di difesa di quel poco che ancora resta – famiglie di api e api regine – confinato in pochi alveari del nostro territorio. «Intanto – dichiara Raffaele Cirone, presidente della Fai – andiamo a cercarla dove esiste ancora in purezza» e cioè in Australia, individuata come lo scrigno segreto della Ligustica.

L’EMIGRAZIONE – Una missione «alla ricerca dell’ape perduta», dunque: in Australia le api sono giunte nel 1822 a bordo della nave Isabella. Oggi, dopo 185 anni, l’ape italiana è ancora conservata in purezza ed esportata in tutto il mondo. Ed è anche per questo che una rappresentanza dell’Apicoltura italiana prenderà parte, nei prossimi giorni, al 40° Congresso mondiale di Apicoltura che si svolgerà a Melbourne in Australia. È qui che si riuniranno gli stati generali dell’Apicoltura internazionale – scienziati e operatori delle organizzazioni apistiche di oltre 60 Paesi – chiamati ad incontrarsi per discutere del recente fenomeno della scomparsa delle api. Italia e Australia avvieranno una cooperazione per il recupero del patrimonio genetico dell’ape «made in Italy» e nell’interesse degli apicoltori di tutto il mondo.

INSETTI MILLENARI – Confagricoltura ricorda che le api sono apparse sul pianeta Terra 25 milioni di anni fa: si sono specializzate per garantire la sopravvivenza e lo sviluppo delle piante cosiddette entomofile (quelle che dipendono dall’insetto impollinatore). È grazie a loro che abbiamo ambienti sani, agricoltura produttiva, ossigeno da respirare. Circa 10.000 anni fa, dopo l’ultima glaciazione hanno colonizzato il Vecchio Continente e si sono differenziate in quattro grandi sottospecie o razze. Tra queste, l’Apis mellifera Ligustica Spinola, la cosiddetta »ape italiana« che è stata scoperta solo nel 1805 e che oggi rischia di scomparire.

Info Redazione

Guarda anche

All'Aquila un corso formativo per l'apicoltura

All’Aquila un corso formativo per apicoltori in erba

L’Associazione Le Api Nel Cuore organizza un percorso formativo in apicoltura che prevede dieci incontri …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.