mercoledì , 29 Giugno 2022
Insegna dell'ASL di Salerno

Tempo di attesa e tempo di sospensione del medicinale veterinario

Tempo di attesa e tempo di sospensione sono per definizione la stessa cosa.

Si riporta la definizione di legge:

Tempo di attesa: intervallo di tempo che deve intercorrere tra l’ultima somministrazione del medicinale veterinario agli animali nelle normali condizioni d’uso e secondo le disposizioni della presente direttiva,e la produzione di alimenti da tali animali, per tutelare la salute pubblica, garantendo che detti prodotti non contengano residui in quantità superiore ai limiti massimi di residui di sostanze attive, come stabilito ai sensi del regolamento (CEE) n. 2377/90.

Tempo di attesa è il termine corretto attualmente in uso, tempo di sospensione è il termine obsoleto.

A volte in dipendenza di quanto aggiornato sia il contesto in cui si trova, è possibile sia riportata ancora la definizione di tempo di sospensione.

La scritta Tempo di attesa zero giorni, significa che non si deve attendere alcun tempo fra la fine del trattamento ed il rilascio della derrata al consumo.

Le avvertenze per il prodotto MAQS® ” non raccogliere il miele durante i 7 gg del trattamento”, indicano che durante il trattamento non si può utilizzare il miele. Evidentemente per questo medicinale sono stati presentati studi che hanno portato a questa dicitura e non a quella riportata su altri medicinali (solo il Ministero della Salute e l’Azienda titolare dell’AIC lo possono sapere).

Nel caso invece di APILIFEVAR® “effettuare il trattamento in assenza di melario” significa che si può trattare gli animali solo in assenza di melario.

Nel caso di APIVAR ” non trattare gli alveari in presenza di melari”: come sopra Le diciture non sono in contrasto perché è lo stesso template europeo che obbliga a scrivere alla voce “tempi di attesa” qualcosa. Poiché non si può trattare quando c’è il melario, si avranno di conseguenza tempi di attesa di 0 giorni sul miele.

Per quanto attiene alla cera sì, dopo il trattamento con APISTAN® questa deve essere tracciata per 180 giorni e non potrà andare a costituire cera di melario o miele da vendere in favo per uso alimentare o cera da coperture alimentari. Il miele presente in alveare al momento del trattamento o prodotto durante il trattamento non può essere licenziato al consumo.

Info Redazione

Guarda anche

Il fiore: androceo e gineceo

Come già descritto nel precedente articolo “Il fiore (prima parte)”, l’elemento principale che distingue le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.