mercoledì , 30 Novembre 2022
Logo della fnovi

Apicoltura – Richiamo al rispetto del Regolamento di Polizia Veterinaria

Il rispetto del Regolamento di Polizia Veterinaria è quanto la FNOVI ha invocato in un documento inviato al Ministero della Salute dal titolo “il Sistema delle Segnalazioni”, ove si rammenta, a tutti gli attori coinvolti nel settore apistico, l’iter da seguire nel caso di sospetto o diagnosi di patologie denunciabili delle api e nei casi di moria di api o spopolamento di alveari

Pertanto la nota del Ministero della Salute DGSA 0019758-P-12.11.2011- ”Denuncia di malattia infettiva ai sensi del Regolamento di Polizia Veterinaria”, è pienamente condivisa da questa Federazione, che si adopera da sempre per il rispetto delle regole.

Vorremmo che l’esortazione del MdS arrivasse al MIPAAF ed ai suoi Enti di ricerca, che non sono in indirizzo, in modo che nessuno si ritenesse escluso.

Le patologie denunciabili degli animali ed i relativi monitoraggi devono esser gestiti dalle autorità sanitarie anche in apicoltura, indipendentemente dal dicastero che finanzia l’iniziativa.

Il Regolamento di Polizia Veterinaria è posto a tutela del patrimonio zootecnico italiano e la denuncia delle patologie è il mezzo per impedirne o contenerne la diffusione, che in campo apistico interessa l’intero ecosistema.

Apicoltori, veterinari aziendali, laboratori, IIZZSS, centri di ricerca, Università, ASL, Assessorati alla sanità delle regioni e Ministeri, devono tracciare la strada per la buona gestione di una patologia denunciabile, così che il rispetto della norma, produca il beneficio atteso.

I dicasteri sono nel giusto quando richiamano al rispetto delle regole che la comunità si è data e quando puniscono chi le ha disattese.

Ufficio stampa Fnovi

Info Redazione

Guarda anche

la vita delle api si è ridotta del 50%

Rispetto a cinquant’anni fa, la vita delle api si è ridotta del 50%

Negli ultimi 50 anni, la vita media delle api allevate in laboratorio si è dimezzata. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.