sabato , 25 Maggio 2024
Dispositivo contraccettivo della regina

Dispositivo contraccettivo della regina

Un team di ricercatori sta sviluppando un metodo per interrompere la deposizione delle uova della regina e facilitare i trattamenti contro la varroa.

La maggior parte dei trattamenti contro la varroa richiedono che non vi sia covata nell’alveare. Così, tagliando il ciclo di deposizione, si interrompe anche il ciclo di sviluppo degli acari, che sono costretti a lasciare le cellule e i principi attivi degli acaricidi agiscono in modo molto più efficace.

Per poter trattare senza covata, molti apicoltori utilizzano tecniche di ingabbiamento della regina. Li confinano in piccole gabbie di plastica o griglie metalliche che vengono fissate sulla faccia di un favo e trattengono la regina per diversi giorni, in modo che non possa deporre. Questo metodo molto invasivo presenta degli inconvenienti e, in generale, danneggia la colonia. Tuttavia, un team di ricercatori di un’università cinese descrive e perfeziona un altro metodo: l’inanellamento della regina.

In questo articolo spieghiamo in cosa consiste il sistema di inanellamento della regina, quali vantaggi presenta e come va effettuato.

Il metodo dell’inanellamento della regina era già conosciuto in Cina. Ora però viene descritto e perfezionato grazie al lavoro di due scienziati che lavorano per l’Accademia cinese delle scienze agrarie. Si tratta di Aleksandar Uzunov e Chao Chen, che hanno lavorato alla progettazione e alla sperimentazione di questo sistema di lavoro. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Bee World e rappresentano un’interessante innovazione nella gestione delle api e nella lotta contro la varroa. Per cominciare, è un’alternativa molto interessante all’ingabbiamento delle regine nei trattamenti contro la varroa.

1 – Ingabbiare le regine: una tecnica contro la varroa
L’ingabbiamento delle regine è un sistema molto diffuso, soprattutto nell’apicoltura molto specializzata, come quella italiana. Si tratta di localizzare la regina e confinarla in una piccola gabbia di plastica o metallo ancorata a un favo. L’idea è che la regina non possa muoversi liberamente nell’alveare: le operaie possono entrare nella gabbia per prendersi cura della madre, ma lei non può uscire.

Questa tecnica si basa sulla conoscenza del ciclo della varroa, che si nasconde nelle celle di covata. Quando l’ acaro si trova all’interno della cella, è praticamente immune agli acaricidi, per cui l’efficacia dei trattamenti è molto bassa se c’è covata opercolata. Ciò significa che i prodotti vengono applicati in assenza di riproduzione, ma ciò costringe a ritardare il trattamento fino a autunno inoltrato, il che può mettere a repentaglio la capacità della colonia di affrontare l’inverno. Oppure può darsi che l’arresto naturale della riproduzione avvenga quando la varroa è già troppo sviluppata.

Per evitare questi problemi esistono metodi più invasivi. Uno di questi è la disopercolatura della covata: la covata viene rimossa e la colonia viene trattata. Ed un altro sistema è l’ingabbiamento, che serve per bloccare bruscamente la deposizione.

Gabbietta Scalvini per blocco covata

Confinando la regina e impedendole di deporre per diversi giorni, l’alveare rimane senza covata. Quando nasce la covata, le varroe non hanno nessun posto dove nascondersi e sono molto più vulnerabili all’acaricida, il che aumenta l’efficacia del trattamento.

Svantaggi dell’ingabbiamento della regina
Tuttavia, l’ingabbiamento delle regine presenta degli svantaggi. Da un lato, la circolazione del feromone reale è notevolmente ridotta, il che può disturbare il normale funzionamento dell’alveare e, in alcuni momenti e circostanze, innescare la costruzione di celle reali.

Inoltre, non è raro che la regina si indebolisca dopo aver trascorso molti giorni in gabbia, il che influisce sulla sua capacità di deporre le uova in seguito. E se fa freddo e le api si raggruppano attorno al cibo, la regina potrebbe essere molto esposta al freddo.

Questi problemi possono essere in parte risolti con i cosiddetti favi trappola, che sono una tipologia di favi che occupano lo spazio di un favo. Le regine vengono deposte in questo dispositivo che, una volta chiuso, viene posto al centro del nido. Questi dispositivi vengono utilizzati anche nell’allevamento delle regine. Richiedono però un investimento maggiore, perché ne occorre uno per ogni alveare da trattare.

Gabbietta per blocco covata gabbia MENNA

2 – Il feromone della regina: cos’è e a cosa serve
La proposta dei ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze agrarie prevede di evitare di ingabbiare la regina, in modo che possa muoversi liberamente nell’alveare, diffondendo normalmente il suo feromone e mantenendo una buona condizione fisica.

Per fare ciò, hanno sviluppato un contraccettivo della regina. Il  sistema utilizza un piccolo anello di plastica, largo un centimetro, che abbraccia l’addome della regina, come se fosse una stecca.

Nel documento scientifico pubblicato la tecnica  viene chiamata ‘dispositivo contraccettivo’ e anche ‘tubo contraccettivo’. Allo stesso modo, lo chiamano “controllore della deposizione delle uova”. In ogni caso l’idea è la stessa: un anello di plastica che trattiene l’addome.

Poiché l’addome è abbracciato in questo modo, la regina non può piegarsi per entrare nelle celle e depositare le uova. In questo modo la covata viene bloccata, ma la regina non viene confinata né danneggiata.

Come utilizzare la fasciatura
L’anello è un piccolo cono di plastica, con un diametro massimo di 5,8 mm. È aperto su entrambe le estremità, una delle quali è più stretta e di forma rettangolare, che misura solo 3,2 mm. Questa parte stretta comprende il picciolo della regina, la giunzione del torace e dell’addome.

Tra le due aperture si estende un’apertura che consente al cono di espandersi in modo che non sia troppo rigido.

Dispositivo contraccettivo della regina
Processo di fasciatura. Foto: Uzunov e Chen.

Per posizionarlo sulla regina si utilizzano delle pinzette speciali. Con loro, il cono viene aperto, in modo che sia facile posizionarlo sull’addome. Quando si tolgono le pinzette, il piccolo cono si chiude e l’ape regina viene inanellata.

A questo punto è importante assicurarsi che l’anello sia esattamente sul picciolo della regina e che le zampe e le ali siano completamente libere.

Al termine del tempo di trattamento contro la varroa, con le stesse pinzette si apre e si rimuove l’anello, un’operazione semplice e veloce, perché la regina inanellata è molto facile da individuare nell’arnia.

Dispositivo contraccettivo della regina
Ecco come viene rimosso l’anello. Foto: Uzunov e Chen.

Tecnica adattata in Cina
Gli scienziati cinesi sottolineano che questo metodo di lavoro è utilizzato da tempo in Cina, anche se non con l’intento di curare la varroa. È stato utilizzato, ad esempio, per immagazzinare le regine senza che si uccidessero a vicenda, perché l’inanellamento impedisce anche l’uso del pungiglione. Inoltre, è considerato utile nella lotta contro l’ acaro Tropilaelaps, un problema emergente in apicoltura.

Tuttavia, gli apicoltori cinesi hanno iniziato a notare che il sistema permetteva loro di anticipare e ritardare l’arresto della deposizione a piacimento, in modo da poter rallentare anche la deposizione per combattere la varroa. Questa gestione cominciò ad essere utilizzata nella zona di Pechino, dove il clima più caldo faceva sì che gli alveari covassero più a lungo, il che era dannoso per i trattamenti contro la varroa.

Ora, gli scienziati dell’Accademia cinese delle scienze agricole hanno descritto e perfezionato la gestione, tanto che ora può essere considerata una buona pratica di apicoltura.

3 – Vantaggi dell’inanellatura della regina contro la varroa
Questo modo di lavorare con la fasciatura della regina rappresenta un cambiamento nell’approccio alla gestione della varroa. Riduce notevolmente i danni subiti dalle madri e riduce anche i costi. Questi sono i principali vantaggi del fasciare le regine.

Gli autori ritengono che questo modo di lavorare consenta:
Regine in condizioni migliori. Restando libere, le regine non soffrono così tanto. Non si indeboliscono né si atrofizzano, continuano a viaggiare attraverso l’alveare in interazione con tutte le operaie e il feromone non smette di circolare. L’alveare conserva quindi perfettamente la sua organizzazione, non sviluppa così facilmente le cellule reali e, in generale, l’ordine della colonia rimane stabile.

Ridurre i costi. Forse il vantaggio più grande del metodo è la riduzione dei costi che comporta. Gli anelli delle regine costano pochi centesimi di euro, poiché non sono altro che un pezzettino di plastica. I favi trappola e le gabbiette per ingabbiare le regine hanno invece un costo più elevato.
Ridurre i tempi di lavoro. La fasciatura delle regine richiede pochissimo tempo, soprattutto se sono contrassegnate e facilmente individuabili (liberare le regine è molto semplice). Individuata, viene inanellato e rilasciata. Non è necessario introdurre favi trappola, che richiedono la rimozione e la gestione di altri favi. Inoltre non è necessario installare una gabbia su un nido d’ape o altri accessori per la movimentazione.

Tutto sommato, questa interessante prospettiva di lavoro rappresenta un’interessante innovazione che gli apicoltori occidentali possono iniziare a prendere in considerazione.

Fonte: apiculturaymiel

Info Redazione

Guarda anche

Come produrre api regine di qualità a livello amatoriale

Come produrre api regine di qualità a livello amatoriale

Nell’iniziare a raccogliere le idee per descrivere come produrre api regine a livello amatoriale o …

2 Commenti

  1. questo dispositivo si trova in commercio? e’ interessante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.