sabato , 25 Maggio 2024
Veleno d’api, potente arma contro i tumori al seno più aggressivi (e non solo)controversa
Addome e pungiglione di un'ape (gen. Apis) visti al microscopio

Il veleno delle api è più efficace contro le malattie neurodegenerative

I ricercatori della Curtin hanno rivelato come fattori comportamentali ed ecologici influenzino la qualità del veleno d’api, un prodotto ampiamente noto per il suo efficace trattamento di malattie degenerative e infettive come il morbo di Parkinson e l’osteoartrite.

L’importanza della diversità proteica nel veleno d’api
Lo studio, pubblicato su PLOS , ha analizzato – per la prima volta – la diversità proteica nel veleno d prodotto dall’ape occidentale nell’ecosistema marri nell’Australia sud-occidentale.
La ricercatrice capo, la Dott.ssa Daniela Scaccabarozzi, della Scuola di Scienze Molecolari e della Vita della Curtin e consulente di ricerca presso il ChemCentre, ha affermato che la ricerca sarebbe di sostanziale beneficio sia per la salute umana che per il lucroso business dell’apicoltura, dove venduto fino a 300 dollari grammo.

“Abbiamo scoperto che esistono 99 proteine del veleno prodotto dall’ape, di cui circa un terzo era stato precedentemente identificato. Più proteine si trovano nel veleno, maggiore sarà la qualità e l’effetto potenziale”, ha affermato il dott. Scaccabarozzi.

“Per comprendere la diversità proteica del veleno d’api e scoprire quali fattori hanno avuto un impatto su questo, il team di ricerca multidisciplinare ha esaminato una serie di fattori, inclusi i modelli comportamentali delle api.

“Un fattore comportamentale convincente è stato rivelato dall’associazione tra api docili e attive. È interessante notare che abbiamo scoperto che le “api arrabbiate” che reagivano intensamente ai nostri dispositivi di stimolazione producevano un veleno più ricco e più denso di proteine.

“La quantità complessiva di veleno rilasciata dipende dalla secrezione di feromoni d’allarme che induce le altre api a reagire in modo aggressivo pungendo. Ciò potrebbe essere il risultato di cambiamenti genetici che possono provocare aggressività nell’ ape”.
Il dottor Scaccabarozzi ha affermato che il team ha anche confermato che la temperatura ha influenzato la composizione proteica del veleno prodotto dall’ape.

“Le alte temperature possono essere dannose per l’attività dell’ ape dentro e fuori le colonie. Dei 25 alveari testati, abbiamo scoperto che i siti con temperature più elevate registravano una produzione di veleno inferiore”, ha affermato il dottor Scaccabarozzi.

“Ciò ha soddisfatto le nostre aspettative secondo cui i fattori stagionali causano un cambiamento nel profilo proteico del veleno prodotto dall’ape. L’intervallo ottimale per un’elevata diversità proteica varia da 33 a 36°C (da 91 a 97°F).”

Ulteriori risultati hanno anche rivelato che la posizione geografica ha avuto un impatto sulla composizione del veleno prodotto dall’ape, nonché sullo stadio in cui si trovavano i fiori durante il raccolto quando sono stati consumati dalle api.

Il dottor Scaccabarozzi ha affermato che ulteriori ricerche aiuterebbero gli apicoltori a raccogliere una qualità standardizzata di veleno per soddisfare la crescente domanda in campo clinico e terapeutico, oltre a contribuire a progettare strategie economicamente vantaggiose per la raccolta del veleno prodotto dall’ape per garantire la propria posizione nel mercato globale.

Il veleno prodotto dall’ape domestica (Apis Mellifera Ligustica) è stato raccolto durante la stagione della fioritura di Corymbia Calophylla (Marri) da 25 alveari vicino ad Harvey, nell’Australia sud-occidentale.

I benefici del veleno d’api
Il veleno prodotto dall’ape è stato tradizionalmente utilizzato per trattare malattie infiammatorie come i reumatismi. Tuttavia, è noto che il veleno d’api viene utilizzato anche come coadiuvante nel trattamento di disturbi neurologici, asma e malattie infettive come la malaria.

Esistono valutazioni di ricerca limitate sull’uso del veleno prodotto dall’ape in medicina veterinaria. Al contrario, molti studi pubblicati hanno affrontato la sua potenziale applicazione nella medicina umana.

Alla luce di quest’ultima considerazione, questo studio si propone di riassumere le ricerche pubblicate sulla potenziale applicazione del veleno prodotto dall’ape nelle terapie animali.

Il veleno prodotto dall’ape è prodotto dalla ghiandola velenosa situata nella cavità addominale delle api femmine. La ghiandola è collegata ad una sacca di contenimento. L’apparato velinfero degli insetti sociali appartenenti al genere Apis costituisce un meccanismo di difesa essenziale.

Le api pungono in prossimità dell’apiario in atteggiamento di difesa della colonia. La regina, invece, punge per uccidere le rivali.

Il veleno d’api è molto più ricco e proteico
Raccolta veleno

Ogni alveare può avere solo una regina, e quando nascono più regine contemporaneamente, alcune di loro scappano insieme a un numero specifico di api, una regina nata uccide le regine non ancora nate che sono ancora nella loro cella, oppure due regine si impegnano in una battaglia mortale.

La concentrazione proteica del veleno dell’ape regina è massima nei primi (0-3) giorni di vita e diminuisce dopo 7 giorni (una condizione necessaria subito dopo l’emergenza per uccidere la regina più anziana e le regine gemelle in competizione per il dominio dell’alveare). Man mano che la ghiandola degenera, il contenuto proteico del veleno delle api diminuisce nei giorni successivi.

Al contrario, nelle api femmine il veleno non è rilevabile al momento dell’emergenza. Aumenta invece rapidamente nei due giorni successivi, rimane costante per i primi 14 giorni e poi diminuisce. Pertanto, le più vecchie producono meno veleno di quelle più giovani.

La composizione cambia nel tempo con l’età. Ad esempio, la melittina viene rilasciata in una forma precursore inattiva, che si trasforma in una forma attiva con la crescita e il passaggio allo stadio di guardiano, che avviene intorno al 20° giorno di età.

Le api mellifere hanno un pungiglione appuntito che viene estratto dall’addome durante la puntura insieme alla sacca del veleno. A differenza delle vespe e dei calabroni, possono pungere solo una volta prima di morire.

Quando un’ape punge una persona o un mammifero in generale, il pungiglione rimane conficcato nella pelle e l’ape muore perché gli viene strappato l’intestino, i muscoli e il centro nervoso nel tentativo di staccarsi. L’ape muore perché gran parte del suo corpo è andata perduta. L’estremità appuntita del pungiglione è dotata di minuscoli ganci che ne impediscono la rimozione senza danni.

Una volta incorporato, utilizza un meccanismo a pistone separato per spingere il veleno nella ferita. Il pungiglione si autoincorpora nel tessuto e si verifica un rilascio simultaneo del contenuto della sacca del veleno, che solitamente viene espulso completamente entro pochi minuti.
Veleno d’api

Inoltre, il messaggio di allarme dei feromoni trasmesso dal veleno prodotto dall’ape attiva altre api per difendere l’alveare. Il feromone d’allarme è costituito dalla molecola di 2-eptanone della ghiandola mandibolare e da altre sostanze, come l’acetato di isopentile, rilasciate dalla ghiandola collegata all’apparato pungente.

Il veleno prodotto dall’ape causa infiammazioni localizzate con sintomi come dolore, calore e prurito fino a reazioni allergiche sistemiche che possono finire in shock anafilattico e, in casi estremi di ipersensibilità, possono essere fatali. Nella cultura popolare viene spesso collegato a questi fenomeni. Tuttavia, è uno dei doni più inestimabili che l’alveare ci ha fatto.

Può essere utile nel trattamento di una vasta gamma di malattie se usato in piccole dosi. Il suo utilizzo nel trattamento di molti stati patologici è intrigante per la sua complessa composizione di sostanze chimiche con significativa attività farmacologica e biochimica.

Il veleno prodotto dall’ape appena secreto è un liquido limpido e incolore che forma una polvere giallo chiaro quando si asciuga. Ha l’odore pungente e aromatico del miele ed è acido (tra 4,5 e 5,5). Il contenuto di acqua nel veleno d’api varia tra il 55 e il 70%.

I componenti attivi del veleno di vari imenotteri sono peptidi, proteine, enzimi, sostanze a basso peso molecolare e costituenti alifatici in quantità variabili. Nessuna esenzione si applica al veleno d’api. È una composizione molto complicata che è in gran parte (80%) costituita da proteine. Questi ultimi composti hanno pesi molecolari elevati (proteine) o bassi (peptidi).Apiterapia: quali evidenze scientifiche ci sono che possa aiutare contro il dolore?

Le ammine biogene sono le più importanti sostanze a basso peso molecolare. I peptidi contenuti nel veleno d’api, adolapina, melittina, apamina e peptide 401, sono stati sottoposti a ricerche approfondite.

La giusta raccolta è l’elemento cruciale per ottenere una migliore qualità. Polline, miele e altri prodotti delle colonie devono essere privi di impurità. Come sottolineato da Krell, non esistono standard di qualità ufficiali, poiché il veleno d’api non è riconosciuto come farmaco o alimento ufficiale.

Uno studio quantitativo dei suoi componenti più stabili o facilmente quantificabili, come la melittina, la dopamina, l’istamina, la noradrenalina o quelli per i quali si sospetta una contaminazione, può essere utilizzato per determinare il grado di purezza di una sostanza.

Le tecniche di standardizzazione e controllo della qualità per l’efficacia e la purezza del veleno degli imenotteri, in particolare di quello delle api, sono state discusse da Guralnick et al. nel 1986.

Denise Meloni
Fonte: tech.icrewplay

Info Pasquale Angrisani

Guarda anche

Api, vespe e calabroni, come riconoscerli e quando temerlidelle apida varie angolature

Api, vespe e calabroni, come riconoscerli e quando temerli

Con l’arrivo dell’estate aumentano le probabilità di imbatterci in api, vespe, calabroni e simili che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.