giovedì , 18 Luglio 2024
L'intelligenza artificiale al servizio delle api
Foto di Antonio Angrisani

L’intelligenza artificiale al servizio delle api

Le api sono essenziali per l’ecosistema e la nostra sopravvivenza, ma spesso sono a rischio a causa di vari fattori. Fortunatamente, la tecnologia e l’innovazione stanno venendo in loro aiuto. Gli scienziati di Perm, in Russia, hanno sviluppato un sistema basato sull’intelligenza artificiale che può valutare la salute delle api analizzando il loro ronzio all’interno dell’alveare.

Un aiuto tecnologico per le api: natura e tecnologia in sinergia.
L’intelligenza artificiale analizza i rumori nell’alveare e identifica suoni specifici associati a diversi comportamenti delle colonie di api. Questa ricerca ha portato al lancio di una campagna di crowdfunding su Boomstarter.ru, con l’obiettivo di coinvolgere apicoltori di tutta la Russia per registrare i suoni delle api nei loro alveari e raccogliere più dati per addestrare l’intelligenza artificiale.

Studi scientifici hanno dimostrato che il tipo di rumore in un alveare può fornire molte informazioni sulle diverse condizioni di un nido di api. Gli scienziati di Perm stanno creando un sistema di diagnosi a distanza per le api. Questo strumento elettronico sarà in grado di analizzare il rumore nell’alveare, riconoscere specifiche malattie delle api e fornire all’apicoltore raccomandazioni per il loro trattamento.

Il progetto, chiamato “Apicoltura corretta“, è stato fondato da Nikolay Okulov, un imprenditore tecnologico di Perm. Ha riunito un team di professionisti con vasta esperienza nella creazione di dispositivi complessi. Il progetto ha ricevuto un finanziamento dal Fondo per la Promozione dell’Innovazione e ora è residente nella città della scienza di Innopolis.

“Il nostro obiettivo è creare uno strumento che aiuti gli apicoltori a evitare errori comuni e perdite. Le api sono creature indipendenti, ma è importante comprendere meglio il loro comportamento e non interferire con esso. Con il team di ‘Apicoltura corretta’, abbiamo sviluppato un sistema hardware-software per analizzare il comportamento delle api. Quest’anno, il prodotto ha avuto la sua prima applicazione commerciale. Lo stiamo implementando nella più grande apiario industriale della regione di Perm. Abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding su Boomstarter.ru in modo che tutti possano utilizzare gratuitamente il nostro programma e comprendere meglio le api. Abbiamo ricevuto risposte positive sul nostro progetto da molti apicoltori e crediamo di poter rendere l’apicoltura accessibile a tutti.”

Si sa che gli apicoltori esperti possono valutare il benessere delle api attraverso vari segni esterni, come il modo in cui le api volano, atterrano e l’odore che proviene dall’alveare. Tuttavia, ciò richiede molta esperienza e osservazione. Gli scienziati di Perm hanno sviluppato un programma che analizza il comportamento delle api basandosi su una vasta quantità di dati raccolti in diversi alveari. Stanno addestrando il programma a “ascoltare” le caratteristiche tipiche che indicano lo stato delle api nell’alveare.

Il programma “Apicoltura corretta” sarà in grado di analizzare l’attività di sciamatura delle api, valutare le fasi di sviluppo della regina delle api e identificare le malattie delle api. Di conseguenza, gli apicoltori potranno pianificare meglio le loro attività e prevenire danni, ad esempio a causa di condizioni meteorologiche avverse.

Per raccogliere il maggior numero possibile di dati sui rumori nell’alveare e addestrare la rete neurale, gli scienziati stanno invitando gli apicoltori di tutta la Russia a partecipare al progetto. Gli apicoltori possono scaricare un’app sul loro smartphone che analizza il rumore delle api e posizionarlo vicino all’alveare. Il smartphone raccoglierà e trasmetterà dati acustici su ciò che sta accadendo all’interno dell’alveare.

Gianluca Cobucci
Fonte: ilbosone

Info Redazione

Guarda anche

Sebastiano Pulvirenti, maestro Fascitraru”

Da Aristotele a Sebastiano Pulvirenti: una apicoltura unica al mondo

L’apicoltura, nel bacino del Mediterraneo, risale a tempi antichissimi. Al paleolitico appartiene un disegno rupestre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.