sabato , 24 Febbraio 2024
arpa elettrica

L’arpa elettrica è diversa dalle altre trappole sul mercato?

Attualmente il mercato offre principalmente due tipologie di trappole per combattere la Vespa Velutina: trappole ad esca e arpe elettriche.

Strategia coordinata
Per una strategia di controllo più efficace, si consiglia di utilizzare trappole ad esca attrattiva durante i periodi di fecondazione e sciamatura della regina, mentre le arpe elettriche sono più adatte per i mesi estivi: giugno, luglio, agosto e settembre.

Efficienza e selettività
Le differenze di efficacia tra i due tipi di trappole sono notevoli. L’ arpa elettrica si distingue per l’elevata efficienza e selettività nella cattura della Vespa Velutina rispetto alle trappole ad esca. Secondo studi condotti dall’Università di Vigo e dall’Università di Santiago de Compostela, le trappole ad esca catturano in media solo l’1% delle vespe velutine del totale degli insetti intrappolati, il che solleva gravi preoccupazioni ambientali. Con l’arpa elettrica, invece, il 68% degli insetti catturati sono Vespa Velutina, minimizzando così l’impatto sulle altre specie.

Precauzioni
È importante notare che l’arpa elettrica è sconsigliata durante i periodi di sciamatura o di fecondazione delle regine. Pertanto, una strategia coordinata che combini entrambi i tipi di trappole risulta essere la soluzione più efficace per tenere a bada questa specie invasiva.

Guida per il posizionamento ottimale delle arpe elettriche in apiario

Organizzazione degli alveari. Il primo passo fondamentale è allineare le arnie in file, mantenendo una separazione ottimale di 15-20 cm tra ciascuna per un facile accesso e sorveglianza.

Orientamento strategico delle Arpe. Le arpe elettriche devono essere installate trasversalmente agli ingressi delle arnie. Questo orientamento consente alle api di entrare direttamente nell’alveare, intercettando efficacemente le vespe velutine, che tipicamente volano e si muovono secondo uno schema trasversale davanti alle api.

Distribuzione delle arpe per fila. Ogni fila di arnie deve avere un’arpa all’inizio e un’altra alla fine. Inoltre, ogni cinque arnie lungo la fila dovrebbe essere posizionata un’arpa aggiuntiva.

Gli apicoltori tendono a posizionare le arpe molto vicino agli alveari e questo è un errore.

Considerazioni sugli apiari di diverse dimensioni

  • Piccoli apiari: Negli apiari con un numero ridotto di arnie, ad esempio cinque, si consiglia di installare almeno tre arpe: una all’inizio, una alla fine e una al centro.
  • Apiari grandi: man mano che il numero di alveari nella fila aumenta, la distribuzione delle arpe può essere modificata in una ogni cinque alveari.

Rotazione della trappola

Per massimizzare l’efficacia, si consiglia di cambiare la posizione delle arpe ogni 2 o 3 settimane.

L’uso di maglie o reti sui lati o sopra le arpe può costringere le vespe asiatiche a attraversarle. È utile anche osservare e adattare il posizionamento delle arpe in base alle zone dell’apiario più frequentemente attaccate.

Strategia per i grandi apiari

Dovrebbero esserci solo circa 4 o 5 api nell’acqua ogni 100 velutine.

Negli apiari con un gran numero di alveari, le file possono essere organizzate in modo che i becchi siano uno di fronte all’altro. Posizionando un’arpa al centro di queste file affacciate, non solo si ottimizza lo spazio, ma si ottiene anche un risparmio nel numero di arpe necessarie, poiché una singola arpa potrebbe proteggere fino a 10 alveari.

Quando usare le arpe contro la velutina?

Le arpe elettriche contro la velutina non vanno usate finché non c’è una forte pressione nell’apiario, per non uccidere eventuali sostituzioni di regine che non controlliamo all’interno delle arnie, e non vanno usate durante i periodi di sciamatura e fecondazione della regina. Per questo motivo è consigliabile posizionare l’arpa elettrica a partire da giugno per evitare che regine e fuchi vi cadano dentro durante la stagione degli amori.

Allo stesso modo, dall’inizio di agosto è consigliabile ridurre le porticine degli alveari, per evitare che le velutine entrino nelle arnie.

Strategia stagionale:

Primavera: la fase di fondazione

Durante la primavera, le regine della Vespa velutina emergono dal letargo e iniziano a cercare luoghi dove stabilire i loro nidi. In questa fase è fondamentale l’utilizzo di disinfestatori con attrattivi, posti a debita distanza dagli ingressi delle arnie.

arpa elettrica
Raccomandazione : Utilizzare trappole a bottiglia con attrattivi, situate a circa 500 metri dall’apiario. Mantenere e controllare queste trappole settimanalmente.

Estate: sviluppo del nido

A metà estate le vespe velutinas iniziano a sviluppare i loro nidi primari e secondari. Durante questo periodo è fondamentale eliminare qualsiasi attrattiva dall’apiario per evitare di trasformarlo in un “campo di battaglia”.

Raccomandazione: posizionare le arpe parallele agli ingressi delle arnie. Usa elementi come i pallet per reindirizzare il volo delle velutine, costringendole a passare attraverso le arpe.

Autunno: crollo e nuove regine

L’autunno segna il collasso dei nidi di vespa velutina e la comparsa di nuove regine. Si tratta di un’opportunità cruciale per ridurre la popolazione delle vespe per il prossimo anno.

Raccomandazione: Reintrodurre gli attrattivi nei dispositivi di disinfestazione e posizionarli lontano dagli ingressi delle arnie. Utilizzare la cera opercolata nei dispositivi di disinfestazione per attirare ed eliminare le vespe.

Ulteriori suggerimenti

  • Distanza tra trappole e alveari: mantenere una distanza compresa tra 30 e 40 cm tra le trappole e gli ingressi dell’arnia.
  • Monitoraggio continuo: tieni traccia dell’attività dello scooter e modifica le tue strategie secondo necessità.
  • Alveari giovani o deboli: questi alveari sono particolarmente vulnerabili ai saccheggi. Posiziona trappole aggiuntive vicino a loro per una protezione extra.


Fonte: latiendadelapicultor

Info Redazione

Guarda anche

Api e dintorni

Api e dintorni

Oltre quaranta espositori già in corsa per portare in mostra novità sulla produzione di miele …

Un commento

  1. Ho trovato interessanti i vostri articoli, mi farebbe piacere riceverne altri.
    Grazie buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.