sabato , 24 Febbraio 2024
Le distanze in apicoltura
Foto di Pasquale Angrisani

Le distanze in apicoltura

Le distanze in apicoltura
Figura 1. Alveari con la linea di volo parallela al confine

Le distanze tra gli apiari e i confini delle zone molto frazionate e urbanizzate sono soggette a continue controversie. La legge del 24 dicembre 2004 n. 313, (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 306 del 31/12/2004) ha disciplinato nell’art. 8 le distanze minime degli apiari da rispettare dai confini pubblici e privati (figure 1, 2 e 3). È chiaro che nel caso in cui vi siano disposizioni vigenti più restrittive, stabilite da norme regionali, provinciali o comunali, devono essere rispettate tali norme.

Le distanze in apicoltura
Figura 2. Alveari con la porticina rivolta dalla parte opposta al confine.

In ultima ipotesi, il Sindaco ha poi la facoltà, qualora si renda indispensabile tutelare la quiete e la sicurezza pubblica, di imporre con ordinanza sindacale opportune modalità e limiti nell’allevamento delle api. In un certo senso, la norma sulle distanze, ha la funzione di regolare i rapporti tra le diverse proprietà finitime, al fine di assicurare la simultaneità e la possibilità del contemporaneo esercizio dei diritti relativi da parte dei singoli proprietari confinanti, conciliando in tal modo le opposte esigenze di ciascun proprietario.

Le distanze in apicoltura
Figura 3. Alveari con la porticina rivolta verso il confine.
Le distanze in apicoltura
Figura 4. Ostacolo interposto tra l’alveare e il confine.

Lo scopo di quest’articolo è quello di fornire un utile approfondimento e una guida da consultare per poter affrontare con cognizione i principali problemi che possono sorgere sulle distanze minime previste dalla legge tra gli apiari e i confini pubblici e privati.
Leggendo l’art. 8 si rileva che “Gli apiari devono essere collocati a non meno di cinque metri dai confini di proprietà pubbliche o private”. Tale distanza stabilita per l’installazione di apiari (così come vengono definiti all’art. 2 della stessa legge al comma 3 lett. C), verso i confini di proprietà pubbliche o private non si deve limitare alla sola installazione degli apiari, ma per una maggiore tutela va applicata anche a un singolo alveare.

Il legislatore all’art. 8 ha imposto la distanza minima senza riferire nulla sulla direzione di volo delle api, su come devono essere collocati e orientati gli alveari e su come si deve misurare la distanza degli apiari dai confini. Le manchevolezze che si riscontrano nella presente legge si possono così riassumere. La misurazione della distanza, ove esiste il locus a quo per la misurazione, in altre parole il punto di partenza, deve sempre misurarsi in senso orizzontale e perpendicolare al confine altrui, nel punto più prossimo alla porticina dell’alveare, senza tener conto dell’eventuale dislivello dei fondi che si fronteggiano.

Nelle (figure 1, 2 e 3) si osserva il modo di misurare la distanza minima dal confine con alveari disposti in maniera varia.
Questa distanza minima dal confine può essere derogata, poiché è stato previsto nello stesso art. 8 che “Il rispetto delle distanze non è obbligatorio se sono interposti, senza soluzioni di continuità, muri, siepi od altri ripari idonei a non consentire il passaggio delle api. Tali ripari devono avere un’altezza di almeno due metri” (figura 4). Il legislatore, introducendo la deroga sulla distanza da rispettare tra gli alveari e la proprietà aliena, si è espresso anche qui in modo generico e aleatorio, indicando ripari idonei a non consentire il passaggio delle api di altezza non inferiore a 2 m.

Sembra che il legislatore abbia voluto mediare sulla distanza introducendo parametri fissi, non legati a molte variabili esistenti tra gli alveari e il confine, come la distanza tra gli alveari e gli ostacoli e tra gli ostacoli e il confine, la direzione di volo delle api, tutte variabili che sono soggette a continue diatribe tra gli apicoltori e i proprietari dei fondi confinanti. Per questo, quando s’installa un apiario con interposto un ostacolo naturale o artificiale, l’apicoltore deve garantire al vicino confinante, indipendentemente dai parametri fissi stabiliti dal legislatore, la stessa incolumità che avrebbe in assenza di alveari. Le altezze (hx) degli ostacoli dovranno essere misurate partendo dalla quota d’ingresso della porticina dell’alveare e potranno essere ricavate dalla seguente formula (1), che va applicata quando la somma delle distanze dall’alveare all’ostacolo e dall’ostacolo al confine è inferiore a 5 m.

Dove:
l1 = distanza dall’alveare all’ostacolo;
l2 = distanza dall’ostacolo al confine;
hx = altezza dell’ostacolo, misurata dalla quota d’ingresso all’alveare;
√ = radice quadrata.

Tabella 1. Un esempio di applicazione della formula. Se la somma delle distanze è pari a quella minima, le altezze degli ostacoli si riducono a zero (fig. 5, 6, 7, 8).

La tabella è formata da una prima riga, dove è indicata la distanza in metri dall’alveare all’ostacolo e da una prima colonna dove è indicata la distanza in metri dall’ostacolo al confine. Dall’intersezione di queste due variabili l1 e l2 si ricava l’altezza dell’ostacolo. I risultati in rosso sono i minimi imposti dalla legge n. 313/04, in verde sono quelli che sono stati calcolati e che tutelano maggiormente il confinante.

ESEMPI, CON LE RELATIVE MISURE, DI APPLICAZIONI DELLA TABELLA 1
Se la somma delle distanze è pari a quella minima imposta dalla normativa, le altezze degli ostacoli si riducono a zero (fig. 5, 6, 7 e 8). I risultati sono facilmente ricavabili dalla tabella 1.

Le distanze in apicoltura
Figura 5. Anche se questa posizione rispetta la norma, è sconsigliabile disporre gli alveari con la porticina rivolta verso il fondo del vicino.
Le distanze in apicoltura
Figura 6. Questa è un’ottima posizione degli alveari lungo il confine, in assenza della distanza legale quando è interposto un ostacolo d’altezza non inferiore a 2 metri.
Figura 7. Gli ostacoli, così come definiti dall’articolo 8, devono andare oltre, per un minimo di 5 m, sia all’inizio sia al termine della fila degli alveari, a partire dalla loro parete esterna.
Figura 8. Per ragioni di sicurezza, il prolungamento degli ostacoli è necessario per qualsiasi disposizione degli alveari, rispettando le lunghezze precedentemente indicate.
Figura 9. Gli alveari posizionati con la direzione di volo verso il fondo del vicino sono sconsigliabili anche se rispettano le norme. Le api potrebbero entrare nel fondo dei vicini creando loro problemi quando stazioneranno o lavoreranno a ridosso del confine.
Figura 10. Gli alveari ubicati con la direzione di volo opposta al fondo del vicino rispettano la norma e sono consigliabili.
Figura 11. In caso di alveari disposti sul fondo inferiore, è categoricamente sconsigliabile collocarli prossimi al confine con la direzione di volo rivolta verso il fondo del vicino anche se rispettano la norma. Le api infatti, per poter intraprendere la traiettoria di volo, invaderebbero la proprietà confinante creando problemi.
Figura 12. Anche gli alveari ubicati sul fondo inferiore, seppure con la direzione di volo opposta al fondo del vicino, sono sconsigliabili anche se rispettano la norma, poiché potrebbero in parte invadere la proprietà altrui.

Per garantire ulteriormente al vicino di poter usufruire totalmente e senza problemi della sua proprietà gli ostacoli devono estendersi di oltre 5 metri rispetto al primo e all’ultimo alveare della fila, se disposti parallelamente al confine (figura 7), oppure rispetto all’alveare più prossimo al confine se sono disposti in maniera perpendicolare al confine stesso (figura 8).

Figura 13. Si sconsiglia di posizionare gli alveari (alveare a) che si trovano più in basso rispetto alla strada con la porticina rivolta verso la strada stessa, anche se si rispetta la distanza legale. Gli alveari posti più in alto rispetto alla strada (alveare b) dovrebbero avere la direzione di volo dalla parte opposta rispetto alla strada stessa, sempre rispettando la distanza legale.

Il legislatore, sempre all’art. 8, riferisce che, quando la configurazione dei luoghi dove sono installati gli alveari è a terrazze, “Il rispetto delle distanze non è obbligatorio se tra l’apiario ed i luoghi ivi indicati esistono dislivelli di almeno due metri”. Anche in questo caso la disposizione sembra superficiale, poiché le variabili che nascono nell’installazione degli apiari quando esistono dislivelli tra i due fondi contigui, come la posizione degli alveari, la direzione di volo e la distanza dal confine, sono elementi che possono nuocere o recare molestia al confinante. I rischi si amplificano se l’apiario è posizionato nel fondo sottostante. Le figure 9, 10, 11 e 12 mettono in risalto gli inconvenienti e i pregi derivanti dalle varie ubicazioni degli alveari.

Figura 14. Gli alveari posizionati alla stessa quota di una strada limitrofa (alveare c) con la porticina rivolta verso la strada stessa sono da evitare anche se rispettano la distanza legale, tranne che nel caso di ostacoli naturali dietro gli alveari. Gli alveari posizionati al di sopra di una strada limitrofa (alveare d) senza alcun ostacolo naturale che possa alzare la traiettoria di volo sono da evitare, anche se rispettano la distanza legale.

Per essere sicuri di garantire una certa sicurezza al vicino quando s’installano gli alveari a ridosso del confine il dislivello va convenientemente aumentato, inserendo un ostacolo avente un’altezza calcolata con la formula precedente o ricavata direttamente dalla tabella 1. In pratica, con gli alveari disposti in un fondo inferiore a 0,5 m dal confine e con un dislivello tra i fondi confinanti di 2 metri, bisogna aggiungere un ostacolo di 2,97 metri, in modo da garantire un ostacolo di 4,97 m tra i due fondi.
Il legislatore poi, per regolare i rapporti tra il privato e il pubblico e per salvaguardare la sicurezza della circolazione, nell’art. 8 ha imposto che “Gli apiari debbano essere collocati a non meno di dieci metri da strade di pubblico transito”. Non specifica però da quale punto della strada bisogna iniziare la misurazione, (limite della piattaforma, banchine, marciapiedi, ciglio ecc.) Si presuppone che, avendo anche questa norma la funzione di regolare i rapporti tra le diverse proprietà, le misurazioni vadano compiute sempre tra la porticina dell’alveare e il ciglio della strada.
Per ciglio della strada s’intende il confine limite della sede o piattaforma stradale che comprende tutta la sede viabile, quella veicolare e quella pedonali, ivi contenute le banchine o altre strutture laterali alle predette sedi, quando queste sono transitabili, e le strutture di delimitazione non transitabili (parapetti, arginelle e simili). In ogni modo, gli alveari situati in prossimità di strade sia alla stessa altezza/allo stesso livello, sia più in alto o più in basso sono da evitare, perché, oltre a poter provocare problemi ai passanti se non vi sono ostacoli che alzano naturalmente la traiettoria di volo durante l’andirivieni delle api, queste possono rimanere schiacciate sui parabrezza delle auto in corsa.

Figura 15. Dato che la distanza che intercorre tra la porticina dell’alveare e l’industria dolciaria o similare è notevole, l’orientamento degli alveari in questo caso è ininfluente.

Il legislatore ha tutelato all’art. 8 anche le industrie che trasformano sostanze zuccherine, perché “Nel caso d’accertata presenza d’impianti industriali saccariferi, gli apiari devono rispettare una distanza minima di un chilometro dai suddetti luoghi di produzione”.
Per concludere il discorso sulle distanze tra gli apiari e le proprietà finitime si può affermare che, sebbene le distanze siano regolate dalla legge nazionale e dalle leggi locali, l’apicoltore non può esimersi dall’usare tutte le precauzioni possibili affinché la sua attività non costituisca pericolo a terzi. L’apicoltore infatti è sempre responsabile, civilmente e penalmente, quando lavora con le api per i danni che vengono dimostrati, salvo che provi che il fatto dannoso è stato causato dal comportamento imprudente del danneggiato o da un estraneo all’attività, oppure che è ricorso il caso fortuito.

Pasquale Angrisani
Fonte: Api & Flora Gennaio/Aprile 1/2023

Info Pasquale Angrisani

Guarda anche

I&R, pubblicato il Manuale: decreto in vigore dal 15 giugno

I&R, pubblicato il Manuale: decreto in vigore dal 15 giugno

Il 15 giugno entrerà in vigore il Manuale Operativo del Sistema I&R. Definite le procedure …

7 Commenti

  1. Recentemente ho trovato il tuo sito e ne sono rimasto molto colpito per la precisione e competenza dimostrate per i suoi contenuti. [..]
    Complimenti ancora per il sito che ho provveduto subito ad inserire nella lista dei preferiti.

  2. Buonasera , ho posizionato le mie 4 arnie in un prato di mia proprietà, a 20/30 metri ci sono altre arnie di un altro propietario e questo mi sta facendo delle storie per la distanza tra le sue e le mie…..premetto che le sue erano giá li. Qualcuno sa dirmi se esiste una distanza da rispettare ? . Grazie per le risposte. buferax@gmail.com

    • La distanza tra diversi apiari appartenenti a più apicoltori è comunque regolamentata da una legge del 1925; si tratta del R.D.L. 23 ottobre 1925 n. 2079, convertito in legge n. 562 del 18 marzo 1926, il cui Regolamento esecutivo precisa che:
      1) la distanza obbligatoria tra apiari con più di 50 alveari non deve essere inferiore a 3 Km;
      2) gli apiari con meno di 50 alveari non sono sottoposti al vincolo della distanza obbligatoria.
      Tuttavia, normative recenti sono contenute nelle Leggi Regionali, specifiche per l’apicoltura.

    • Hon circa 200;alveari su cinque postazioni in una azienda pubblica in Sardegna di cui sono ospite in convenzione annuale rinnovabile.
      In giugno una grossa azienda della mia zona ha posizionato 96 alveari a 400 metri dal confine dell’azienda dove detengo le mie postazioni ed a 600 metri, 900 metri, 1500 metri dalle tre mie postazioni più vicine ai 96 alveari di cui contesto la vicinanza.
      Il proprietario dei 96 alveari sostiene che la legge 313 del 2004 art. 7 ha cancellato il decreto regio n.614 art. 29 del 1927 e che pertanto non sposterà le arnie in quanto la legge 313 stabilisce una distanza minima fino ai duecento metri.
      Ha aggiunto che se non mi va bene di andare da un avvocato per ottenere da un giudice un ordine
      di ingiunzione di spostare gli alveari così come da regio decreto da me sostenuto, secondo lui invece non più valido.
      Chiedo un parere sulla applicabilità o meno del regio decreto del 1927 n 614 art. 29.

      • La distanza tra diversi apiari costituisce un aspetto importante nel rapporto di buon vicinato con gli apicoltori stanziali e con altri apicoltori nomadisti presenti sullo stesso territorio. La distanza è comunque regolamentata da una legge non ancora abrogata del 1925, si tratta del R.D.L. 23 ottobre 1925 n. 2079, convertito in legge n. 562 del 18 marzo 1926, il cui regolamento esecutivo precisa che:

        · la distanza obbligatoria tra apiari con più di 50 alveari non deve essere inferiore a 3 km;

        · gli apiari con meno di 50 alveari non sono sottoposti al vincolo della distanza obbligatoria.

        Inoltre, per il calcolo numerico degli alveari, due nuclei di allevamento devono essere calcolati come un alveare; colui che ha impiantato un apiario in un tempo antecedente ad un altro apicoltore ha un diritto prevalente in confronto di colui che impianta successivamente; uguale diritto prevalente ha chi sia contemporaneamente proprietario del fondo e dell’apiario in confronto di chi sia solo proprietario dell’apiario.

        Tuttavia, normative recenti sono contenute nelle leggi Regionali, specifiche per l’apicoltura.

        Se la tua Regione non ha ancora legiferato in materia non è applicabile l’art. 7 comma 4 della legge 24 dicembre 2004, n. 313.

        • Chiedo a Pasquale ed a chi vorrà rispondermi, se è a conoscenza di sentenze passate in giudicato riguardanti controversie sulla distanza tra postazioni di alveari con non meno di cinquanta per parte che richiamano l’applicabilità del regio decreto n. 614 del 1927 art.29. Mi piacerebbe sapere se esistono processi e come si sono conclusi, che si sa poi fanno giurisprudenza. Grazie.

  3. Buonasera
    Sono circa due anni che un vicino è venuto ad abitare a circa 30 metri da casa e ha portato con se queste arnie, ma il problema che si è venuto a creare e quello che macchine e qualsiasi cosa che è a contatto con l’esterno viene colpito da escrementi di api ed è diventato invivibile.
    Volevo sapere se c’è qualcuno che ha riscontrato lo stesso problema e come si può risolvere.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.