mercoledì , 29 Giugno 2022
Logo della fnovi

Le Università rispondono alle nuove esigenze formative in apicoltura

Le nuove generazioni di medici veterinari dovranno confrontarsi con problematiche che investiranno non soltanto la sfera delle patologie animali o la salubrità degli alimenti derivati, ma anche la salute dell’ambiente quale diretta conseguenza del corretto allevamento.

Quanto sta accadendo al mondo dell’apicoltura invita ad un’attenta riflessione. Inquietanti panorami si aprono all’orizzonte: le api come animali sentinella, rivelano morendo, la sofferenza ambientale cui andrà posta molta attenzione; le api, nel ruolo di perlustratrici dell’ambiente, trailer di pollini, propoli, nettari, acqua, e perché no di molecole chimiche da e verso l’alveare, potrebbero ricoprire un ruolo determinante nella diffusione dell’antibiotico-resistenza.

L’importanza della professione veterinaria in apicoltura è quindi innegabile e la richiesta di formazione è pressante. Per questo la FNOVI ha ripetutamente sollecitato le Facoltà di medicina Veterinaria ad adeguarsi ai tempi: Bologna, Torino, Perugia, Sassari, Bari hanno risposto introducendo nel corso di laurea di base argomenti inerenti l’apicoltura e le patologie apistiche.

Ufficio stampa Fnovi

Info Redazione

Guarda anche

Il fiore: androceo e gineceo

Come già descritto nel precedente articolo “Il fiore (prima parte)”, l’elemento principale che distingue le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.