mercoledì , 30 Novembre 2022
Bandiera dell'unione europea

Ue approva definitivamente origine su etichetta miele

BRUXELLES – Finisce l’anarchia sull’import nell’Unione europea di miele dai Paesi terzi. Il Consiglio Ue ha infatti definitivamente approvato e pubblicato la nuova direttiva europea che prevede l’indicazione sull’etichetta “del Paese o dei Paesi d’origine in cui il miele é stato raccolto”.

Quanto all’eventuale presenza di polline Ogm nel miele, l’informazione dovrà essere riportata sull’etichetta del prodotto solo se la presenza é superiore allo 0,9%, come per tutti gli altri alimenti.

L’impatto della nuova direttiva é duplice. I consumatori potranno scegliere il miele che intendono acquistare essendo informati sull’origine del prodotto. I produttori europei invece, saranno maggiormente protetti dalle importazioni di miele a basso prezzo dai Paesi terzi che fanno una concorrenza sleale al prodotto europeo.

Nella nuova normativa inoltre, il polline viene considerato un elemento naturale del miele e non un ingrediente. Ciò non toglie che al miele si applicano le norme Ue sugli Ogm, e non potranno entrare sul mercato comunitario prodotti che contengono pollini Ogm non autorizzati nell’Unione. Paesi esportatori di miele come l’Argentina hanno già cominciato a tener conto di questo aspetto, prevedendo per la produzione di miele aree lontano dai campi coltivati a Ogm. La questione e’ rilevante in quanto l’Ue importa ogni anno circa 140mila tonnellate di miele dai Paesi terzi – tra i primi fornitori c’é la Cina – ossia il 40% del consumo totale. L’Italia da sola conta 1,1 milioni di alveari.

Occhio quindi all’etichetta in quanto, quando il miele é originario di più Stati membri o Paesi terzi, il consumatore potrà leggere sull’imballaggio, a seconda dei casi, le seguenti definizioni: “miscela di mieli originari dell’Ue”; “miscela di mieli non originari dell’Ue”; “miscela di mieli originari e non originari dell’Ue”.

L’etichetta sull’origine si applica dal 24 giugno 2015 per permettere ai commercianti di esaurire le scorte del prodotto che riporta le vecchie etichette.

www.ansa.it

Info Redazione

Guarda anche

la vita delle api si è ridotta del 50%

Rispetto a cinquant’anni fa, la vita delle api si è ridotta del 50%

Negli ultimi 50 anni, la vita media delle api allevate in laboratorio si è dimezzata. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.