sabato , 25 Maggio 2024
Aluen Cap

Acido ossalico e glicerina – Nuova ricetta

Nel febbraio 2021, una ricetta per acido ossalico e glicerina di Randy Oliver è stata pubblicata sull’American Bee Journal. Si tratta di spugne impregnate di Ossalato e Glicerina con un alto rapporto di acido ossalico (∼ 1:1 in peso) e prive di acqua (l’articolo qui). La nuova ricetta ha subito suscitato il mio interesse e verrà presentata nel dettaglio.

La sua principale differenza rispetto alle popolari ricette AO/glicerina è che in questa ricetta viene preparato qualcosa di relativamente inerte che rilascia l’acido ossalico in piccole quantità. Al contrario, le ricette finora sono fatte per una rapida dispersione dell’acido organico all’interno dell’alveare. La prescrizione funziona farmaceutica come segue. I vettex, che vengono inzuppati nel composto e diventano gommosi, vengono posti sui telai del nido di covata in alveari a due piani. L’umidità della covata li ammorbidisce lentamente e quindi la glicerina e l’acido ossalico vengono rilasciati gradualmente. Vettex può rimanere 45-60 giorni all’interno dell’alveare uccidendo diverse varroa e causando gravi interruzioni del loro ciclo riproduttivo.

Preparazione
Per prima cosa, gli asciugamani di spugna che misurano ∼ 20 x 17,5 cm vengono tagliati a metà. Abbiamo bisogno di due mezzi asciugamani per ogni alveare a due piani. Un asciugamano può essere tagliato in 2 o anche 4 pezzi. La preparazione avviene nel classico modo di preparare le strisce AO/glicerina riscaldando i materiali in un recipiente di vetro immerso a bagnomaria.

Mescola pesi uguali di acido ossalico diidrato e glicerina fino a quando la miscela è chiara. Per una dissoluzione più rapida, immergere il barattolo di dissoluzione in una pentola d’acqua a fuoco basso.
Una volta che la miscela inizia a schiarirsi, il che richiede tempo, mescolare bene per sciogliere completamente eventuali cristalli di acido ossalico.
La miscela viene versata calda sul vettex in ammollo. Se viene lasciato raffreddare non possiamo più gestirlo.
I vettex vengono lasciati raffreddare su un cartoncino (cartone, carta  ecc.) in tranquillità e senza sgocciolare . La miscela in eccesso verrà assorbita dal cartone.
Successivamente, vengono riposti in un luogo asciutto con il loro cartone sotto (per evitare di essere calpestati, ecc.). Poiché l’applicazione avviene nel periodo estivo, possono essere stoccati vicino ad un condizionatore.

Fare attenzione a non utilizzare utensili metallici a diretto contatto con l’acido ossalico perché si verifica l’ossidazione (anche l’acciaio inossidabile scolorisce). Devono essere prese anche misure protettive (guanti) e la miscela deve essere costantemente controllata in modo che non si surriscaldi. Si ripete che nella ricetta non è inclusa l’acqua . Pertanto, la miscela finale non si solidifica quando si raffredda.

Vettex tipo “svedese” e tipo semplice ed economico. La tipologia a sinistra che contiene circa 100g di mix è quella preferita da Randy Oliver. L’economico contiene circa 85 gr.

Ogni pezzo di vetex tagliato a metà contiene tra i 40 ei 50 grammi di miscela a seconda della marca di vettex. Per ogni ape dobbiamo calcolare che occorrono 50 grammi di acido ossalico diidrato e 50 grammi di glicerina.

Applicazione
L’applicazione viene effettuata in grandi alveari tra l’alveare e il pavimento. I telaini con covata aperta vengono trasferiti al nido di covata in modo che la loro umidità venga assorbita dal vettex e vengano rilasciate piccole quantità di A.O. e glicerina. Gli alveari più piccoli di 17-18 telai ricevono gli stessi pezzi di quelli più grandi. Siamo interessati alla superficie di rilascio e non a qualche differenza nella dose di ossalato.

Metodo di posizionamento tra la ginocchiera e il pavimento.

Ad ogni ispezione (es. ogni 15 giorni) il vetex deve cambiare posizione perché le api imparino ad evitarlo.
Se per qualche motivo l’ape lascia l’alveare di covata e si sposta sul pavimento (camera di covata “vuota”), allora la ricetta non funziona bene perché il vapore acqueo prodotto dalla covata aperta non raggiungerà le spugne.
Per lo stesso motivo vettex potrebbe non funzionare correttamente in alveari con popolazioni piccole e medie,
Per evitare che la regina si alzi a terra in estate, si possono spostare al centro i favi di colore chiaro e ai lati quelli vecchi.

Test
La ricetta è stata testata per 30 giorni (luglio 2021) su alcune api divise in due gruppi di 5 api. Un gruppo ha ricevuto la ricetta e uno è servito come controllo. I dati che potevano essere estratti erano limitati a causa dei divieti antincendio di emergenza, in quanto non potevo raggiungere l’apiario. Esperimenti più dettagliati verranno ripetuti nella primavera-estate del 2022.

Sfortunatamente, sia il gruppo sperimentale che quello di controllo hanno avuto bisogno di un trattamento con amitraz nel corso dell’anno per controllare la varroa. I segnali incoraggianti, tuttavia, erano che il gruppo che riceveva la prescrizione manteneva più popolazione rispetto ai controlli visibilmente più depressi. La differenza nelle popolazioni è attribuita al fatto che per il periodo di applicazione (30 giorni) la varroa non ha attaccato sufficientemente la covata ma è rimasta sulle api. Quindi sembra che le api abbiano preso una pausa dai virus della covata. Un’osservazione simile è riportata negli esperimenti di Randy Oliver. Forse, nel nostro caso, 30 giorni non sono bastati per uccidere un numero sufficiente di varroa.

Vetex imbevuto tagliato a 1/4. Quando la miscela si raffredda, acquisiscono un caratteristico colore bicolore.

Degna di nota è anche la tolleranza molto migliore mostrata dalle api a questa ricetta rispetto alle strisce di ossalato di glicerina commerciali (queste sono circa 1 parte in peso di OO e 2 parti in peso di glicerina). Più in generale, i problemi incontrati dall’apicoltura con effetti indesiderati legati all’acido ossalico possono essere ricondotti all’azione dell’acido ossalico, ma anche alle proprietà indesiderabili della glicerina per l’ape. Mi sono sempre chiesto come l’acido ossalico possa essere considerato un “principio attivo” il momento in cui deve entrare in ogni cella con i grammi (per non dire a manciate e sto esagerando). È una sostanza che non ha nulla a che vedere con gli acaricidi sintetici che agiscono in piccole quantità e colpiscono il sistema nervoso degli acari e lasciano l’ape quasi inalterata (mi riferisco agli acaricidi nella loro forma “pura” ).

Questa ricetta biologica sarà nuovamente testata su scala più ampia la prossima estate. Sembra ideale contenere il carico di varroa nelle grandi api durante la stagione della raccolta del miele, poiché durante questo periodo non è consentito alcun trattamento acaricida convenzionale.

George Mitsikas (chimico, apicoltore dilettante)
Fonte: melissosfaira.wordpress.com

Info Redazione

Guarda anche

Come produrre api regine di qualità a livello amatoriale

Come produrre api regine di qualità a livello amatoriale

Nell’iniziare a raccogliere le idee per descrivere come produrre api regine a livello amatoriale o …

Un commento

  1. Apicoltura gaito

    Sarebbe più logico e sicuro far preparare le tovagliette da un laboratorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.