venerdì , 30 Settembre 2022
Foto di Antonio Angrisani

Come riconoscere le frodi nei fogli cerei

È semplice constatare se i fogli cerei, normalmente in commercio, sono stati realizzati totalmente con la pura cera d’api: se ne mette una piccola quantità in un bicchiere da laboratorio unitamente a un po’ di trementina, e poi si fa scaldare a bagnomaria; se la cera è impura sul fondo del bicchiere si formerà un deposito.

Per sofisticare la cera possono essere aggiunte diverse sostanze; ne elenchiamo alcune fra le più comuni: vaselina, paraffina, oli minerali, stearina, sego, resine, sostanze inorganiche diverse (gesso, talco, barite, calce ecc.).

Favo stampato inserito nel telaioUn controllo immediato si può avere trattando pochi grammi (15-20) di cera con anidride acetica: mentre la cera si scioglie, le altre sostanze rimangono inalterate; vale quest’esperimento per la vaselina, per la paraffina, per gli oli minerali, ecc.

La stearina viene scoperta creando una soluzione alcolica nella quale la cera e la stearina vengono sciolte: si aggiunge poi acqua. Se vi sarà stearina il filtrato della soluzione alcolica s’intorbida, poiché la stearina è solubile in alcool e non in acqua o soluzioni alcoliche annacquate. Il sego lo si scopre bruciando un po’ di cera: l’odore acre sprigionato dalla bruciatura della glicerina del sego, con formazione di acroleina, è tipico delle sostanze grasse a base di sego.

Con saggi chimici, inoltre, è possibile scoprire le resine e le sostanze organiche mescolate alla cera. Le sostanze d’origine minerale vengono scoperte calcinando la cera: se la cera è pura non vi sarà residuo alcuno. Altre caratteristiche della cera: La struttura è compatta e leggermente granulare, rammollisce a 35°C; è insolubile nell’acqua, solubile nell’etere solforico, nella benzina e nel petrolio. Ha sapore dolciastro e, se pura, è bianca: se la colorazione-tende al giallo vi è presenza di propoli.

Tratto dal libro di Melchiorre Biri  (De Vecchi Editore)

Info Redazione

Guarda anche

Miele bio contaminato dal glifosato

Miele bio contaminato dal glifosato

Lo scorso giugno, per la prima volta in Europa, un’azienda agricola è stata condannata a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.