venerdì , 24 Settembre 2021
Il saccheggio

Agenda lavori: settembre

A settembre un’altra pratica importante è la nutrizione stimolante che serve per incentivare la deposizione di covata che nascerà a ottobre, utile questa per invernare api giovani che in primavera produrranno il nutrimento necessario allo sviluppo precoce delle famiglie. Questa nutrizione deve essere fatta non oltre il 15 settembre; tenendo conto del ciclo di sviluppo della covata femminile avremo le prime api verso il 10 di ottobre e potremo continuare fino alla fine del mese se si somministrano circa 2 litri di sciroppo per famiglia (circa mezzo litro a giorni alterni); dentro l’alveare si crea così quel clima di importazione che unito a quel poco che raccolgono ancora le api fa progredire la deposizione. Alla nutrizione si possono anche aggiungere 100 grammi di aglio frullato ogni 10 litri di sciroppo, poiché è molto ricco di vitamine ed è anche un ottimo disinfettante.

agenda lavori: settembre
Restringimento del nido

Altro lavoro a farsi o perlomeno consigliato in settembre è il restringimento dei nidi: levare uno o due favi laterali anche se colmi di miele e metterli in magazzino, saranno utili la primavera prossima; stringere le api su 9 – 8 favi e mettere i diaframmi, la regina così si porterà al centro con la covata e avremo un nido più raccolto, piccolo sì ma molto efficiente e pronto per affrontare la stagione avversa; se possibile mettere al centro un favo vuoto appena smielato, verrà subito pulito e riempito di covata che sarà molto utile nel tardo autunno per la raccolta degli ultimi sprazzi di nettare e polline.

A tarda estate dopo la fine del raccolto bisogna prestare molta attenzione ai saccheggi. Gli alveari pieni di api e covata cercheranno di aggredire i più deboli e senz’altro i nuclei o i piccoli sciami.
Bisogna stare molto attenti, prima di tutto durante la nutrizione non versare miele o sciroppo sulle arnie o per terra vicino ad esse, tenere le porticine molto strette specialmente dove si nutre e controllare che non vi siano fessure incustodite.

Non lasciare mai a portata delle api telaini o pezzi di cera sporchi di miele, pulire bene gli attrezzi usati durante i lavori, chiudere bene armadi e porte dei magazzini. Quando ci si accorge dell’inizio di saccheggio è bene chiudere subito gli alveari colpiti e portarli lontano almeno un chilometro in luogo riparato.
Se il saccheggio avviene su alveari abbastanza forti molte volte si riesce a fermarlo coprendo l’arnia saccheggiata con un sacco bagnato e spargendo dell’acqua con annaffiatoio per circa mezz’ora. Con il fumo non si fa niente, in poche ore, quando il saccheggio è violento, la famiglia viene distrutta.
Il migliore rimedio a questo flagello è la prudenza, là dove l’apicoltore è diligente si manifesta ben di rado.
In questa stagione si controlla lo stato di forza e la prolificità delle regine, consapevoli che per affrontare il lungo e rigido inverno abbiamo bisogno di alveari forti, sani e con regine giovani e feconde.

È tempo anche per chi ha fatto raccolta di polline di rimettere tutto a posto, quel poco che le api raccolgono serve ora come scorta; ricordiamoci che se manca il nettare si può intervenire con lo zucchero ma se manca il polline le api non sopravvivono all’inverno. Anche quando si tolgono i melari bisogna usare molta cautela, il giorno prima è meglio mettere l’apiscampo e cercare di non spandere in giro pezzetti di favo e miele e possibilmente operare verso sera quando le api sono più calme.

Questi piccoli consigli, a settembre, che certamente avrete sentito molte volte ma che è bene rammentare specialmente ai giovani apicoltori, servono ad eliminare molte situazioni a volte molto imbarazzanti e magari prodighe di molti pungiglioni lasciati dalle nostre amiche api sulla nostra pelle. Chiudo come sempre con l’augurio di un ottimo raccolto dolcificato dal prezioso nettare color oro che colerà dai nostri smielatori per deliziare i palati più fini.

Francescatti Pietro

Info Redazione

Guarda anche

lotta alla varroa

Il trattamento risolutivo in assenza di covata

Terminate le operazioni riguardanti la produzione, la nostra attenzione si sposta sulla situazione sanitaria delle …

Un commento

  1. Saggi consigli che ci aiutano a ricordare che le api sono un bene incommensurabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.