mercoledì , 30 Novembre 2022
Come riconoscere la qualità genetica di una regina.
Foto di Luca Mazzocchi.

Come riconoscere la qualità genetica di una regina

Si tratta di un argomento che può essere piuttosto lungo e complicato, tuttavia farò del mio meglio per distillare i punti più importanti in questo post.
Prima di tutto dobbiamo riconoscere quali fattori influenzano le diverse caratteristiche che vogliamo valutare nei nostri alveari.

Questi fattori sono fondamentalmente due: l’ambiente e la genetica. E ognuno di questi può essere separato in diversi componenti. Nel caso dell’ambiente, la temperatura media, le precipitazioni, la disponibilità di risorse, la gestione, tra le altre cose. Nel caso della genetica, il tipo di tratto (fisico o comportamentale), il numero di geni coinvolti, eccetera eccetera.

Un altro aspetto importante della genetica specifica di Apis mellifera è la struttura genetica all’interno dell’alveare, che cambia continuamente.
Per aumentare la complessità, questi due fattori principali (ambiente-genetica) interagiscono tra loro.
Qualcosa di molto interessante e di cui purtroppo non siamo consapevoli o non gli diamo l’importanza che merita, è il fatto che i tratti produttivi dipendono fortemente dall’ambiente e non dalla genetica. Ci sono alcuni tratti, come la difensività, la tendenza alla sciamatura o la resistenza ai parassiti, che hanno un alto grado di controllo genetico, anche se non al 100%. Tuttavia, contrariamente a quanto si crede, la produttività (la pappa reale è un caso a parte) dipende per oltre il 90% dall’ambiente.

Per rispondere rapidamente alla domanda iniziale, la qualità genetica di una regina dipende da molti fattori difficili da controllare.

Accoppiamento in volo di un fuco con un ape reginaCiò che conta davvero dal punto di vista della produzione, per avere alveari di qualità, è la qualità fisiologica della regina. Ciò significa essenzialmente che la larva regina è stata nutrita bene durante la sua fase di sviluppo, quanto giovane era la larva al momento del trasferimento, quanto bene è stata fecondata la regina (con quanti maschi è stata fecondata), quanti ovarioli ha per ovario, ecc.

Non voglio essere in grado di spiegare tutto in dettaglio in un messaggio così breve.
Voglio solo cercare di lasciare il messaggio che la qualità genetica della regina NON è importante quando si parla di caratteristiche produttive. Può essere importante per altre caratteristiche menzionate sopra. Tuttavia, dovrete conoscere e fidarvi del vostro fornitore di regine.

Umberto Moreno
Fonte: Apicultura para Todos.

 

Info Redazione

Guarda anche

la vita delle api si è ridotta del 50%

Rispetto a cinquant’anni fa, la vita delle api si è ridotta del 50%

Negli ultimi 50 anni, la vita media delle api allevate in laboratorio si è dimezzata. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.